Esistono molti modi per cucinare i pomodori anche se, nella maggior parte dei casi, si preferisce mangiarli crudi e conditi nell’insalata.

Al forno, al vapore, grigliati o ripieni di carne e riso, i pomodori cotti hanno delle straordinarie capacità antinfiammatorie e possono essere considerati degli ottimi alleati nella prevenzione di malattie spesso fatali come il cancro, l’osteoporosi e i disturbi cardiovascolari.

Galleria di immagini: Pomodori

La tesi sviluppata arriva da uno studio condotto dagli scienziati del Centro Nazionale della sicurezza alimentare in Illinois e fornisce dati molto chiari sulla valenza nutrizionale che i pomodori acquistano con la cottura. Sono, infatti, i maggiori contenitori di licopene, un potente antiossidante che non viene sintetizzato dal nostro organismo e che, quindi, deve essere assunto necessariamente attraverso pomodori, ma anche carne di manzo, pompelmi, asparagi e fagioli.

Si parla molto, negli ultimi giorni, di quanto sia importante cominciare a tavola la prevenzione del cancro, seguire una dieta corretta per vivere meglio e più a lungo senza ricorrere a interventi medici riparatori. Ebbene, inserire nella propria dieta quotidiana i pomodori, meglio se cotti, di sicuro potrà contribuire a raggiungere l’obiettivo visto che mettono in atto meccanismi protettivi che prevengono la formazione di coaguli di sangue e infiammazioni.

I dottori Britt Burton-Freeman e Kristin Reimers hanno dichiarato:

“Sfruttare la scoperta emergente del pomodoro e dei suoi derivati può essere una strategia semplice ed efficace per contribuire ad aumentare il consumo di verdura degli individui, cosa che porta a migliori abitudini alimentari, e quindi, a una salute migliore. La ricerca sottolinea la relazione tra consumo di pomodori e riduzione del rischio di cancro, malattie cardiache, e altre condizioni. L’evidenza suggerisce anche che il consumo di pomodori dovrebbe essere raccomandato per i suoi benefici nutrizionali e perché può essere una strategia semplice ed efficace per aumentare l’assunzione complessiva di verdure.”

Non rinunciate allora, a un piatto di pasta condito con un ragù di pomodoro o con una salsa di pomodoro fresco, e consumate i pomodori crudi, facili e veloci da preparare, ma anche trattati con i più tradizionali metodi di cottura.