Porte blindate: sono le vere e proprie custodi della sicurezza domestica, che prevengono spiacevoli accadimenti anche nei periodi di vacanza o di relax all’estero. Facendo parte della cosiddetta “difesa passiva”, le porte blindate vengono montate all’ingresso di abitazioni, uffici ed esercizi commerciali per garantire la più elevata sicurezza possibile, resistendo ai tentativi di effrazione. Affinché, però, siano funzionali alla messa in sicurezza della casa, devono rispettare determinate caratteristiche. Per questo, sono suddivise in sei classi di sicurezza e sono prodotte con materiali e accorgimenti diversi in base al grado di protezione desiderato.

Caratteristiche delle porte blindate

Sul portale dell’Unione dei costruttori chiusure tecniche, si possono trovare nel dettaglio tutte le caratteristiche delle porte appartenenti alle 6 classi.

  1. Classe 1: resiste a uno scassinatore che utilizza soltanto la forza fisica per tentare di aprire o divellere la porta; una porta di classe 1 è indicata per essere utilizzata come porta caposcala, con rischio normale, o come porta di magazzini contenenti merce di basso valore intrinseco.
  2. Classe 2: resiste a uno scassinatore occasionale che utilizza attrezzi semplici per tentare di forzare la porta, come cacciaviti, tenaglie, etc; una porta di classe 2 è adatta per essere utilizzata come porta caposcala con rischio considerevole, come porta per uffici e per edifici industriali.
  3. Classe 3: resiste a uno scassinatore che tenta di forzare la porta anche con cacciaviti e piede di porco; una porta di classe 3 è adatta per essere utilizzata come porta caposcala con rischio considerevole, come porta di uffici ed edifici industriali, come porta di villette signorili.
  4. Classe 4: resiste a uno scassinatore esperto, che usa anche seghe, martelli, accette, scalpelli e trapani a batteria; una porta di classe 4 è adatta per essere utilizzata negli uffici di banche, orologerie, ospedali, impianti e laboratori industriali, villette signorili.
  5. Classe 5: resiste a uno scassinatore esperto, che usa anche attrezzi elettrici, come trapani, seghe, mole, etc; una porta di classe 5 è adatta per banche, gioiellerie, ambienti militari, ambasciate.
  6. Classe 6: resiste a uno scassinatore elettrico che usa anche attrezzi elettrici ad alta potenza; una porta di classe 6 è adatta a banche, gioiellerie, impianti nucleari, ambienti militari, ambasciate.

In generale, per proteggere un appartamento in condominio è necessaria una classe 2; se si possiedono molti beni di valore e l’appartamento è signorile è necessaria una porta anche di classe 3; per abitazioni unifamiliari e villette invece sono consigliate le classi 3 e 4.

Prezzi porte blindate

I prezzi delle porte blindate variano da un minimo di circa 300 € fino a un massimo variabile, che ne definisce la classe di appartenenza ed il livello di sicurezza che apporterà allo stabile nella quale viene utilizzata.

Le porte blindate sono dotate di una garanzia di due anni, che può essere estesa dalle aziende a seconda delle offerte specifiche che possono fare al cliente. Sul sito del governo (www.governo.it) è poi possibile essere aggiornati sulle norme riguardanti le detrazioni o gli sgravi fiscali delle varie finanziarie; spesso le detrazioni riguardano anche l’installazione di porte blindate a norma e certificate per il risparmio energetico. Non resta che scegliere la soluzione migliore per rendere più sicura la propria casa.