L’attività fisica fai da te, come il jogging o la corsa all’aria aperta, ha riscoperto un nuovo modo di perdere peso: arriva il power walking, che tradotto letteralmente significa “camminata intensa“.

Tale attività non può essere classificata come corsa: si tratta infatti di una marcia con passo pesante che può stimolare l’intero sistema cardio-vascolare. Risulta quindi essere ottima per la perdita dei chili in eccesso.

Galleria di immagini: fitness parco

Per aumentare la difficoltà e la potenza della camminata, si può scegliere di passeggiare sulla sabbia che, trattenendo il passo durante l’esercizio a piedi nudi, porta implicitamente uno sforzo più intenso. Si può anche scegliere di utilizzare strumenti come pesi per palestra, e in quel caso si parlerà di wogging.

Tra gli strumenti più usati vengono acquistati polsiere, cavigliere e manubri: utilizzando tutti e tre gli accessori, il wogging è sicuramente più efficace in quanto lo sforzo da compiere è distribuito uniformemente su tutto il corpo. Se invece si preferisce potenziare le gambe, è bene indossare soltanto le cavigliere.

Anche quando si pratica il power walking è necessario svolgere un’attività di riscaldamento prima di cimentarsi nella “passeggiata”. Saltelli sul posto, torsioni e allungamenti vari possono costituire un valido aiuto prima di ogni attività fisica.

Se si avvertono dolori alla schiena o alle articolazioni è bene fermarsi e rimandare l’allenamento per evitare il rischio di gravi complicazioni. Inoltre, bisogna controllare la postura e mantenerla corretta per tutta la durata dell’esercizio.

Per ottenere risultati soddisfacenti nell’allenamento cardio, durante il power walking si può lavorare sul respiro e cominciare ad aumentare in modo graduale il tempo di allenamento, che può andare inizialmente dai 10 minuti minimi a un massimo di 30 minuti per due volte a settimana. Dopo averci preso la mano, si può intensificare l’allenamento arrivando fino a un’ora di power walking ogni giorno.

Il segreto del power walking è sicuramente la falcata, ossia il movimento delle gambe durante il cammino. Tale passo consiste nel raddoppiare la distanza naturale percorsa con un unico movimento dei piedi: bisogna tenere distanziate le gambe, in modo che a ogni passo formino un angolo di circa 90 gradi e marcare il passo sul terreno in modo da tirare leggermente i muscoli delle gambe.

Oltre al bagnasciuga di una spiaggia, altre location dove praticare il power walking sono prati e sentieri di campagna: è fondamentale che il terreno sia morbido e irregolare e che l’esercizio vada praticato a piedi nudi o al massimo con scarpe leggere e flessibili.