La sfilata di Prada è, come sempre, una delle più attesa, e stavolta a Milano Moda Donna è stato possibile, assistendo allo show, rubare dettagli e indicazioni preziose sui trend dell’Autunno Inverno 2016-2017.

A fare da scenografia alle creazioni di Miuccia Prada uno scarno salotto progettato dallo studio di architettura OMA, guidato da Rem Koolhaas, che da 15 anni collabora con la maison per boutique, studi di branding, video, prodotti digitali, per dare vita alla Fondazione Prada e, naturalmente, per le sfilate.

Sulla passerella i look che si susseguono fanno dimenticare l’adagio di buon senso “Less is more”: ogni uscita è caratterizzata da un eccesso di strati e di accessori che sembrano usciti dal mondo stream punk, spesse catene con grandi charms, cinture, corsetti, calze e calzini scozzesi.

Galleria di immagini: Prada, le foto della collezione Autunno Inverno 2016-2017

Una donna complessa, che sembra un po’ un’esploratrice ma anche una viaggiatrice nel tempo, che indossa cappelli da marinaio, stampe hawaiane e ha una predilezione per l’abbigliamento femminile degli anni Quaranta.

Gli abiti e le gonne a matita fasciano i fianchi in preziose sete orientali e pesanti tessuti con applicazioni. Si tratta di una donna pronta a prendere ciò che desidera, sicura di sé, armata di piccoli taccuini che le pendono dal collo e avvolta in cappotti con cintura e giacche da caccia.

Presentate durante la sfilata anche le borse Pionnière e Cahier. La prima si contraddistingue per la sua forte identità, una ricercata lavorazione artigianale, originali dettagli in ottone e colori sofisticati e trae ispirazione da mondi diversi: dalla caccia per la sua forma arrotondata che ricorda i carnieri per la selvaggina; dalla divisa militare per la tracolla dalle proporzioni importanti; dal viaggio per la sua attitudine sportiva e avventurosa.

La borsa Cahier presenta dettagli che rimandano ai libri antichi, come gli ingombranti charms delle collane viste in sfilata. Gli elementi in metallo color bronzo ricordano gli angoli protettivi dei vecchi volumi; l’uso del saffiano le copertine rigide; la parte superiore della pattina – solitamente in colore contrastante – ricorda la costa del libro. Il modello Cahier simboleggia un taccuino, robusto e sicuro, dove custodire pensieri intimi e preziosi racconti di vita.