Sensualità o austerità, maschile o femminile, classicità o futurismo, eleganza o look da spiaggia: Prada, con la sua collezione Primavera Estate 2017 presentata a Milano Moda Donna, cerca di eliminare ogni barriera e definizione, inserendo tutti gli elementi sopraelencati in un unica proposta.

La donna Prada scesa in passerella è austera, dall’acconciatura dei capelli (con riga laterale e perfettamente tirati indietro) agli sguardi severi, ma questo non le impedisce di essere creativa, colorata ed eccentrica. E così si può pensare di andare a lavoro in estate con un paio di ciabatte in plastica color fluo o di esibire sandali con plateau dalle stampe psichedeliche, senza rinunciare all’attenzione per i dettagli e all’eleganza.

Sicurezza e libertà di scegliere e di creare. Sì ai capi di abbigliamento maschili, dalle ampie camicie a quadri lasciate morbide a quelle da indossare sotto a top con laccetti, fino a completi giacca-pantalone che ricordano le divise dei soldati ausburgici, senza però rinunciare a dettagli che esprimono femminilità, come foulard, maniche e orli in pelo, clutch grandi, con decorazioni preziose, o medaglioni colorati e luccicanti. Grande spazio è dato alle gonne, dalle lunghezze mai sopra al ginocchio, agli abiti svolazzanti e ai simil kimono in seta e decorati.

Galleria di immagini: Prada, le immagini della collezione Primavera Estate 2017

Una donna che guarda al futuro ma che allo stesso tempo strizza un occhio al meglio del passato: troviamo così stampe Anni ’60 e coulotte alte Anni ’50, abbinate a dettagli tecnologici, come cinture o ricami futuristici. La stessa sfilata si è tenuta in uno spazio da set fantascientifico, con un istallazione multi-schermo che trasmetteva il film creato da David O.Russell in collaborazione con Miuccia Prada, a voler sottolineare la proiezione della moda verso un mondo sempre più hi-tech.

In primavera non si può poi rinunciare al colore: domina sicuramente il giallo, nelle sue varie gradazioni, ma non mancano anche i blu, i verdi e gli arancioni. Tra le tonalità più scure, troviamo invece il classico nero o il marrone noce americana.