Si rientra dalle ferie e dall’estate con un bel po’ di chili in più. Troppi cocktail in riva al mare, aperitivi vari, fame indotta dalle lunghe nuotate e si è subito fuori dal proprio peso forma. Così si deve ricorrere a una dieta dimagrante, ma troppe privazioni non vanno bene, ed è necessario indulgere ogni tanto in qualche peccato di gola, purché non diventi una norma. Soprattutto quando si va al ristorante e non si fa certo una bella figura a fare le schizzinose. Ecco quindi alcuni cibi cui non possiamo dire di no, ma una volta ogni tanto.

Un’idea golosa è la cialda, un cibo morbido e dolce, che di solito viene condito con sciroppo e burro, ma per poterla mangiare senza rimpianti è meglio trovare un condimento più adatto. Il bacon può essere una soluzione, perché le proteine contenute danno energie e velocizzano il metabolismo, senza preoccuparsi dei grassi.

Un dolce che può essere mangiato anche in regime di dieta è il gelato al fiordilatte, magari con una banana per l’apporto di potassio. Il gelato fa bene alla {#salute}, contiene non troppe calorie, il calcio rallenta l’assorbimento dei grassi, mentre la vitamina B migliora l’afflusso di sangue.

Ci sono anche dei cibi da fast food che ogni tanto possono essere consumati. Come l’hamburger: un esempio di hamburger perfetto è il quarto di libbra con formaggio: se non ci sono troppi condimenti si può anche esagerare con quest’ultimo. Il contorno perfetto, anche se non bisognerebbe mettere insieme i due piatti se si è in regime di dieta, sono le patatine fritte, che contengono potassio e soprattutto aiutano l’intestino a fare il suo dovere. Anche il pollo fritto, in assenza di altri {#condimenti}, può essere consumato una tantum quando si stanno contando le calorie.

Un diritto inalienabile per le buone forchette è la fiorentina, magari con olive. La fiorentina non presenta grosse controindicazioni, e anzi contiene ferro, zinco, vitamina B e grassi monoinsaturi, il che significa grassi “buoni” sia per le variazioni di colesterolo, sia per la dieta.

Uno dei piatti più desiderati e comuni in regime di dieta è la pizza. Di solito si consiglia la margherita, non troppo condita, ma si può optare anche per una pizza con funghi e peperoni: vietatissima invece la pizza con salsiccia e cipolle rosse, troppo grassa e troppo calorica per essere assorbita con un quantitativo tale di carboidrati.

Il pesce può essere qualcosa di adatto a tutte le occasioni o quasi, dipende dal tipo di animale marino e dal tipo di cottura. L’aragosta, per esempio, è un sapore raffinato e non troppo calorico, a meno che non si esageri con le salsine d’accompagnamento, che contengono spesso olio e uova, come la salsa cocktail o la maionese.

Infine, anche un sandwich ogni tanto ci può stare: meglio se farcito con ortaggi e formaggio stagionato come emmenthal originale oppure cheddar. Se si deve mettere la salsa meglio la mostarda francese e non maionese o salse simili come la tartara o la salsa tonnata.

Fonte: Fitbie.