Il cancro è una malattia complessa, determinata da molti fattori e concause, spesso difficilmente identificabili. Ed è per questo che è altrettanto complesso scongiurarne l’insorgenza. Il solo dato incontrovertibile è che è una malattia in continua e costante crescita. Visto che tutti si sentono potenziali vittime di quello che si può definire come il male del nuovo millennio, la domanda che ci si pone è se si può prevenire questa patologia.

Un fattore che potrebbe in qualche modo essere correlato all’insorgenza del cancro è la durata del sonno. Le persone che riposano per meno di sei ore a notte hanno il 50% di possibilità in più di probabilità di sviluppare il cancro al colon rispetto a quelli che riposano per più di sette ore. Questo dato emerge da uno studio sul cancro; Marisa C. Weiss, MD, presidente e fondatore di BreastCancer.org, sostiene che il sonno aiuta a riparare le cellule.

L’iinquinamento atmosferico è un altro dei fattori correlati con l’insorgenza del cancro. Sicuramente la città, il traffico e l’inquinamento atmosferico, sono problemi da non sottovalutare. L’università di Leeds invita a verificare in AirNow.gov il punteggio della qualità dell’aria della propria città, che dovrebbe essere superiore a 150. È inoltre molto importante fare movimento all’aria aperta o se proprio non si ha la possibilità, quantomeno segnarsi in palestra e tenere il fisico allenato.

Negli Stati Uniti è stata verificata la presenza del BPA in molti contenitori per alimenti; si tratta di un estrogeno sintetico che ha forti correlazioni con il cancro. Il BPA potrebbe filtrare se il contenitore fosse sottoposto a un trattamento termico. Quindi, occorre sempre fare molta attenzione ai contenitori per alimenti che si utilizzano in cucina e al loro stato di conservazione.

Alyson Moadel, direttrice del programma di oncologia psicosociale presso il Montefiore-Einstein Center for Cancer Care, ricorda l’importanza di tenere una stretta rete di amicizie con cui uscire, svagarsi e confrontarsi. Secondo la Dott.ssa Moadel intrattenere rapporti sociali aiuta la persona a prendersi più cura di se stessa; Facebook e i social network devono essere utilizzati con moderazione e soprattutto non dovrebbero mai sostituirsi con gli interscambi sociali reali.

La sedentarietà è un altro alleato del cancro. Stare eccessivamente sedute può portare alla resistenza all’insulina e alla sindrome metabolica che aumentano il rischio di cancro. La soluzione, anche quando si sta in ufficio, è quella di alzarsi per pochi minuti ogni trenta minuti circa.

Fare attenzione a quando si fa rifornimento alla propria auto. Infatti, l’evaporazione della benzina provoca il rilascio del benzene nell’aria. Il benzene è correlato all’insorgenza della leucemia. Quindi non riempire completamente il serbatoio per evitare appunto l’evaporazione della benzina.

La scarsa igiene dentale aumenta il rischio di gengiviti che nel corso del tempo potrebbero peggiorare e aumentare il rischio del cancro orale; è quello che sostiene il Dottor Weiss. Quindi, non si deve mai trascurare la corretta igiene orale, ed è consigliabile fare visita al proprio dentista almeno una volta all’anno.

Se si è superata la soglia dei 30 anni è assolutamente consigliabile fare il test di del papilloma virus HPV e il Pap test. L’HPV potrebbe causare un cancro al collo dell’utero. Con le tecnologie di oggi è possibile rilevare la presenza di ceppi HPV che causano il cancro e determinare quali donne sono maggiormente a rischio di sviluppare questa malattia. Se il pap test e l’HPV test sono negativi, è sufficiente ripeterli dopo altri tre anni.

La creazione di uno storico delle malattie dei propri parenti potrebbe aiutare a capire se c’è il rischio genetico della malattia. Il cancro infatti è legato anche a fattori genetici, è per questo che è importante avere delle informazioni sulle malattie dei propri cari.

In caso di malattia è importantissimo il supporto del proprio medico. Il rapporto medico-paziente è un elemento chiave per affrontare la malattia nel migliore dei modi. Quindi, se se si ritiene che il proprio medico non abbia un atteggiamento socialmente corretto nei nostri confronti, è necessario cambiarlo.

La casa è il posto dove si passano moltissime ore della propria vita. Avere un alloggio sicuro è quindi fondamentale. L’esposizione al radon è la seconda causa di cancro al polmone negli Stati Uniti. Il radon è un gas radioattivo che può penetrare attraverso le crepe della casa dal terreno circostante. Assicurarsi mediante un test della radioattività che lo spazio che circonda la nostra casa è sano, è sicuramente una buona prassi da seguire.

La corretta alimentazione gioca un ruolo di assoluto rilievo nel manifestarsi della malattia. Il Dottor Weiss, afferma che la vitamina D aiuta le cellule del seno a crescere normalmente e a scongiurare il manifestarsi di un tumore. Per sapere se il livello di vitamina D rientra nel range consigliato è possibile fare un analisi del sangue; se i livelli risultano bassi occorre ricorrere ai ripari modificando la propria alimentazione con una più ricca di pesce e verdura.

Fonte: Self.