Il mal di testa è un vero problema per tantissime donne: per molte, la causa è da individuarsi in questioni cervicali e quindi, trovato il problema, lo si può prevenire con gli esercizi. L’emicrania e la cefalea da cervicale, a volte, sono dei dolori talmente forti da impedire lo svolgimento dell’attività di ogni giorno: azioni come cucinare, lavorare, aiutare i bambini con i compiti, guidare, diventano degli ostacoli insormontabili per chiunque sia sopraffatto da un tale dolore.

Ci sono molti metodi efficaci già in uso per aiutare il mal di testa cervicale, non solo in termini di analgesici, ma la medicina orientale, come l’agopuntura, offre una serie di soluzioni a questo male. Eppure anche gli esercizi fisici aiutano, ed ecco come.

Da uno studio pubblicato da una rivista di settore, la PloS One, risulta che attraverso accortezze ed esercizi si può prevenire il mal di testa. Lo studio è stato condot­to dai ricercatori della sezione Cefalea e Dolore facciale del dipartimento universitario di Fisio­patologia Clinica, diretta dal professor Franco Mongini, e del CPO Piemonte dell’ospedale Moli­nette.

Secondo lo studio, con l’esercizio fisico si arriva ad abbattere più del 30% dei casi di mal di testa e di dolore cervicale: in questo modo l’analgesico e l’antidolorifico diventano soltanto un aiuto e non la necessità che segue il dolore, per poter svolgere tutte le azioni e attività quotidiane. All’indagine hanno preso parte circa 2mila dipendenti comunali: lo studio seguiva un altro analogo sul campo, che ha impiegato 400 dipendenti dell’anagrafe centrale del Comune di Torino.

Perché interessare proprio i dipendenti comunali? Perché chi appartiene a questa categoria trascorre molte ore seduto e spesso con una postura non esattamente corretta, in fondo non tutti i posti di lavoro sono dotati di sedie ergonomiche, da qui il proliferare di mal di testa da cervicale.

Per prevenire i dolori, questo dice il risultato dello studio, si devono eseguire esercizi posturali ogni due o tre ore, anche sul lavoro, per alleviare la pressione su testa, collo e spalle. Una volta a casa, invece, si deve eseguire un esercizio di rilassamento su una poltrona comoda, durante il quale di devono applicare impacchi caldi su guance, collo e spalle, e il tutto dura al massimo un quarto d’ora.

Niente di nuovo in realtà da questo studio: erano proprio le discipline orientali a insegnarci che lo yoga può essere di grande aiuto contro la cervicale. Questo perché lo yoga consente al corpo di fare dei movimenti che normalmente non si farebbero, riducendo la tensione nei muscoli, in particolare quelli del collo.

Fonte: Cronaca Qui.