Maggio è arrivato e finalmente si spalancano le porte alle primizie gustose della stagione. Tra tutte sicuramente le rosse e succose fragole: ideali per una macedonia di stagione, con l’aggiunta di succo d’arancio e limone oppure perfette per una deliziosa crostata.

Il mese è ricco di proposte come ad esempio le ciliegie da acquistare con il picciolo e la polpa, le amarene, che iniziano a maturare a metà maggio e le potrete reperire fino a luglio inoltrato. Si affacciano sulle nostre tavole anche pompelmo, pere, nespole, albicocche e melone: se ancora un po’ acerbe lasciatele maturare a temperatura ambiente per qualche giorno. Invece sono arrivate alla fine della loro stagione le mele, i kiwi e le arance che potrete ancora reperire fino alla fine del mese.

Galleria di immagini: Spesa di maggio

Per quanto riguarda la verdura la stagione propone molte novità: gli asparagi, ideali per il risotto, la barba di frate, la borragine, il broccolo saporito e gustoso, il carciofo che aiuta la digestione e rimpingua le scorte di ferro, la carota, la cicoria e il cicorino, i cipollotti, le coste da gustare saltate in padella dopo averle lessate, il crescione, l’erba cipollina ingrediente fondamentale per ogni ricetta, le erbette, i fagiolini, la fava, il finocchio depurativo naturale, il finocchio selvatico.

E non dimentichiamoci l’indivia, la lattuga purificatrice, il luppolo, l’ortica, la pasqualina, le patate novelle, i piselli, il prezzemolo, il rabarbaro ottimo nelle crostate con le fragole, il radicchio rosso, la rapa, il ravanello, la rucola, il rinfrescante sedano, gli spinaci ricchi di vitamina C e di acido folico quindi ottimi antiossidanti e il tarassaco, un perfetto depurativo per il fegato.

La varietà di scelte è davvero ampia, c’è un’ottima fornitura di ingredienti per ricette sane e gustose e per centrifughe e frullati. L’ideale sarebbe quello di acquistare solo prodotti a chilometro zero, quindi regionali, di coltivazione sicura magari come i prodotti biologici senza l’aggiunta di pesticidi. E infine essenzialmente prodotti e primizie di stagione, per non perdere né i principi nutritivi né il gusto.

Non sempre i costi dell’offerta coincidono con le necessità della richiesta, ma lo svilupparsi di farmer market e gas ha in parte sopperito a queste problematiche. Inoltre presentarsi al mercato rionale all’ora di chiusura farà si che possiate imbattervi in prezzi stracciati e prodotti ancora freschi. L’ideale poi sarebbe quello di controllare sempre la provenienza di frutta e verdura e di prediligere quella nazionale, magari la più vicina a casa.