Essere se stesse è la cosa più importante, anche quando si affronta il primo giorno di scuola superiore (indicato sul calendario scolastico e differente regione per regione). Decidere di stravolgere il proprio look solo per accontentare le aspettative altrui e piacere a più persone possibili è un po’ come tradire se stessi. Per questo, quando si decide come vestirsi il primo giorno di scuola superiore si dovrebbe essere sicure delle proprie potenzialità e di non aver bisogno dell’approvazione di chicchessia.

Molte ragazze timide potrebbero essere tentate di nascondersi e camuffarsi, per passare il più possibile inosservate, mentre altre potrebbero decidere di eccedere pur di urlare al mondo il proprio coraggio. L’atteggiamento ideale? Essere se stesse, sempre, scegliendo lo stile di abbigliamento che più ci somiglia.

A seguire, allora, qualche consiglio su come vestirsi, scegliendo tra stili diversi.

Grunge

Il termine grunge vuol dire “sporco e trasandato”: era uno dei modi di vestire degli anni Novanta, ma negli ultimi anni è tornato in gran voga.

  • La camicia in tartan può essere indossata aperta sopra ad una t-shirt, da sola con un paio di jeans oppure annodata intorno ai fianchi.
  • I jeans vanno portati stretti modello skinny possibilmente in colori un po’ slavati come grigio chiaro o blu chiaro, meglio se a vita alta.
  • Chi preferisce la gonna può optare per un modello lungo oppure per un abitino scamiciato ampio e corto.
  • Non possono mancare nel guardaroba maglioni oversize di lana o cotone e giacche di pelle.
  • Ai piedi assolutamente biker boots, anfibi o sneakers basse e scure.

Hipster

Hipster è una cultura che spazia dalla moda alla musica, ibrida e in continua evoluzione. Pesca un po’ dal vintage, dagli anni ’70 e ’80, un po’ dalle tendenze più recenti.

  • I pantaloni devono essere molto aderenti, per cui spazio a leggings, a jeans skinny aderenti fino al polpaccio e nelle ultime rivisitazioni ispirate alla moda anni ’80 e ’90, anche a leggings in ecopelle.
  • Ai piedi vanno indossate le sneakers – preferibilmente vintage ed evidentemente usate – o le stringate, portate con calze in bella vista.
  • La scelta tra top e t-shirt è molto variegata, si spazia tra modelli oversize con scritte e forme più aderenti, portare però sotto chiodi di pelle o giacche di jeans.
  • Immancabili gli occhiali da vista o da sole con montatura grande, nera.

Gotico

Cupa e misteriosa, ma anche romantica e retrò, la tendenza gotica non passa mai di moda, anche tra le giovanissime.

  • La tipica moda gotica include dettagli come lo smalto nero, i vestiti neri, borchie, croci, trucco e capelli neri, piercing e catene. In alcune categorie di moda gotica, buone quantità di accessori sono ispirati alla moda vittoriana.
  • Calze e vestiti sono spesso strappati, con applicazioni di borchie.
  • Il “chiodo” è indispensabile per lo stile punk anni ’80.
  • Per quanto riguarda le scarpe sono fondamentali gli anfibi e gli stivaletti.

Preppy

Lo stile preppy prende ispirazione dall’abbigliamento delle scuole e dei college americani, soprattutto da quelli frequentati da ragazzi benestanti.

  • I colori vanno scelti tra le tonalità tenui, soprattutto il rosa, il verde e il celeste, e accostati in piccole dosi.
  • La gonna a pieghe è in tessuto check.
  • Tra le giacche spopola il blazer.
  • Le scarpe sono semplici: soprattutto ballerine e penny loafers (quelle con la taschina per la monetina portafortuna).

Skater

Lo stile sportivo è una tendenza che strizza l’occhio al fashion system ma soprattutto alla comodità, anche un po’ maschile.

  • Le magliette sono oversize, spesso da skater, che espongono il nome di diverse marche da skate.
  • I jeans sono rigorosamente stretti , in colori scuri e chiari come il neon.
  • Le felpe devono avere il cappuccio: delle belle scritte o bei motivi sono fondamentali.
  • Ai piedi non possono mancare scarpe da ginnastica.
  • Puoi metterti dei berrettini aderenti di lana o dei cappellini da skate.