La principessa Charlotte è cresciuta: certo, potevamo immaginarlo, ma da troppo tempo la secondogenita di Kate Middleton e del principe William era lontana dai riflettori, e gli amanti delle “faccende reali” non hanno potuto osservare i suoi progressi giorno dopo giorno.

La principessa Charlotte è straordinariamente comparsa all’aperto con il fratellino, il principe George, per la prima volta (insieme li abbiamo visti finora solo in occasione del battesimo della piccola e del servizio fotografico in casa che li ritrae uniti in abbracci e baci). I royal baby sono stati avvistati fuori da Kensington Palace mentre guardavano affascinati l’elicottero reale che atterrava con la principessa Anna a bordo.

Charlotte era circondata dalle braccia protettive della super tata Maria Borrallo, George – a due anni – invece se la cava benissimo da solo, mentre due addetti alla sicurezza stavano davanti al terzetto, a guardia e protezione del futuro re e di sua sorella.

L’ultima volta, Charlotte era comparsa circondata dai suoi cari nel giorno del battesimo, il 5 luglio scorso. Da allora la neonata, che il 2 ottobre compirà 5 mesi, è notevolmente cresciuta e sul suo viso i lineamenti di famiglia stanno prendendo il posto dell’indefinitezza tipica dei primi mesi di vita dei neonati.

Non è una sorpresa che i due paffutelli royal baby stiano crescendo con un amore per gli elicotteri, dato che il loro papà è un pilota e attualmente è in servizio sulle eliambulanze.

Galleria di immagini: Le foto del Principe George e della Principessa Charlotte

Già in passato Nanny Maria è stata vista spesso mentre prendeva in braccio George per fargli guardare da dietro le finestre l’elicottero reale che va e viene dal palazzo, e nel mese di giugno il piccolo ha anche agitato la manina per salutare lo zio Harry mentre si allontanava a bordo del velivolo.

Oggi gli occhi sono puntati sulla tenera visione della piccola Charlotte, finalmente svelata a tutti, ma un pensiero va anche a questa passione di George: non sorprenderebbe infatti se, in futuro, volesse seguire le orme di suo padre e dello zio per diventare pilota.