Come era prevedibile, dopo la pazza notte del Principe Harry a Las Vegas, iniziano ad arrivare le testimonianze delle ragazze presenti al party nella suite principesca. Questa volta è una ragazza di trentadue anni che confessa al tabloid inglese “Mirror” qualche altra indiscrezione su quanto accaduto. La bionda Carrie Reichert racconta di aver baciato il reale ragazzo per 20 minuti, si erano appartati ma non era certo per continuare a giocare a biliardo.

La ragazza racconta di essere arrivata alla festa quando il Principe Harry si era già spogliato, ed era già piuttosto ubriaco: “E’ stato pazzesco. Sembrava davvero delirante”. Poi si sono presi un attimo di intimità e si sono appartati: “Ci sono stati degli abbracci. Ci siamo baciati, era nudo in quel momento. Non era qualcosa di romantico, solo divertimento…”. Venti minuti vissuti solo come divertimento, non sono andato oltre il bacio.

La ragazza non era nuda, si era spogliata ma era rimasta in bikini nella camera del Principe Harry, pare anche che si sia affacciato alla finestra nudo urlando a tutta Los Angeles: “Ecco i gioielli della famiglia reale”, ma bisognerebbe vedere quanto è fantasia e quanto realtà.

Comunque sia la Reichert sottolinea che la cosa non è stata affatto intima, nella camera entravano persone di ogni tipo, ma ignoravano quanto stavano facendo lei ed il Principe Harry. L’incontro semi intimo con il real personaggio si è così concluso:

“Lui mi ha anche detto che ero bellissima, attraente e dolce. Poi con una certa nonchalance siamo tornati nella zona living della suite e abbiamo ripreso a bere. Ho capito che le persone sapevano tutto di quello che era accaduto ma hanno fatto come se niente fosse…”.

Intanto, il Principe Harry piace sempre di più ai sudditi, un carattere molto simile a quello di Lady Diana che mal sopportava l’etichetta a cui sono costretti i reali, come lei ama i colpi di testa, le trasgressioni. Per una sorta di punizione, è stato segregato per un paio di settimane, fino a ieri quando ha presenziato ad un evento di beneficienza.