Il corteggiamento, quando si è delle single in estate, è un must. Perché si avverte maggiormente la voglia di divertirsi, si indossano abiti più leggeri e quasi si invitano gli uomini a farsi guardare per quanto si è belle. Certo, si era belle anche d’inverno, ma infagottate in cappotti e piumini era un po’ difficile da mostrare. E poi quelle giornate cupe, con il sole che tramonta presto, non facevano venire la voglia di stare a ballare fino all’alba, prendere un cocktail sulla spiaggia e cose del genere.

Ma ci sono delle altre attività da fare e da non fare durante il corteggiamento. Eccone alcune. Intanto bisogna avere una mentalità aperta. Se c’è un ragazzo che piace, si può uscire insieme, senza porsi troppe domande: gli amori estivi non durano mai troppo a lungo, difficilmente lui sarà l’uomo della vita. E allora perché attendere da sole la propria metà della mela? Flirtando con un ragazzo che piace, ma certo non potrà essere il padre dei propri figli, non è che si perda tempo: piuttosto si fa esperienza in fatto di {#uomini}, si vedono cose nuove, si incontra gente differente dai soliti giri, quindi non ci può essere niente di male.

Inoltre, non si deve essere troppo serie, non troppo assillanti. Suvvia: è estate, ci si deve rilassare, non trascinare il proprio primo appuntamento a una rassegna sul cinema espressionista russo, né a un’opera teatrale sperimentale, né a una mostra di arte concettuale, a meno che lui non ami queste cose. E poi non bisogna correre: se son rose fioriranno, ma non si deve lasciare a briglia sciolta la fantasia su figli, famiglia, convivenza o matrimonio, dopo solo un appuntamento andato bene.

Ci si deve invece concentrare sul divertimento, non solo quello di coppia, ma soprattutto il proprio. Non è detto che con questo ragazzo ci si starà a lungo: se è una palla al piede meglio scaricarlo, probabilmente sarebbe comunque una palla al piede tutta la vita. E non bisogna dimenticare che non si devono frequentare solo uomini: si deve essere leggere e concedersi tanti aperitivi con le amiche, perché l’estate non è un momento da dedicare solo e completamente al romanticismo.

Fonte: Sheknows.