I Maya arriveranno oggi con il loro carico di sventura? La maggior parte dei VIP ci scherza su, com’è giusto che sia: difficile pensare che il mondo finirà oggi e che la sola tragedia esperita dalla popolazione precolombiana non sia lo sterminio per mano degli europei dopo la scoperta delle Americhe. Da Elizabeth Banks a Kevin Smith, i VIP ne parlano su Twitter. E anche gli italiani non sono da meno.

=> Scopri le follie da fine del mondo

Galleria di immagini: 2012

Ad esempio, proprio Elizabeth Banks sul suo Twitter ha annunciato pioggia per oggi. In California, dove vive, la pioggia non è un evento comune, per cui l’attrice ne ha dedotto ironicamente un segnale di morte. Il regista Kevin Smith ha invece postato un video in cui la Nasa spiega perché il mondo non finirà, prendendo letteralmente a pugni la profezia Maya.

L’attore de Il Padre della Sposa, Steve Martin, invece vuole prendersi una vacanza Maya, come ha scritto, mentre il protagonista di Weekend con il Morto e ora scrittore di successo, Andrew McCarthy, ha pensato bene di rifare il letto presto al mattino, nel caso il mondo dovesse cadere. Interessante anche il twit apocalittico del regista de Il Cigno Nero Darren Aronofsky:

«Sto andando nel Paese dei Maya a portare rispetto ai grandi antichi astronomi che sapevano cosa sarebbe accaduto domani. Grandine, xibalba (luogo di paura, ndr) e un serpente fiammeggiante.»

In Italia la situazione non cambia. Il musicista Roy Paci ha parlato su Facebook della previsione di dirette televisive, località turistiche messicane prese d’assalto e feste in ogni angolo del pianeta. Myriam Catania e Luca Argentero dicono di non credere alla profezia, ma stasera, a scanso di equivoci, trascorreranno una tranquilla serata insieme. Mara Venier ha invece intenzione di brindare con i suoi autori televisivi. Scherza anche Marisa Laurito, che in un’intervista ha dichiarato:

«Dall’inizio del 2012 spendo come se non ci fosse un domani, ho comprato di tutto. Se il mondo finisse mi dispiacerebbe aver pagato l’Imu inutilmente.»

Fonte: Il Messaggero.