Estate, tempo di matrimoni. Che fare se si è in coppia da tempo e magari uno dei due partner inizia a parlare di matrimonio? Se non lo si è fatto prima, sarà bene iniziare a porsi qualche domanda sulla propria predisposizione interiore nei confronti di un impegno certamente notevole come questo.  

Occorre anzitutto capire una cosa: il {#matrimonio} non è solo una festa a base di confetti, champagne e qualche settimana di luna di miele. Si tratta di un impegno importante, che implica la capacità di scendere a compromessi e di essere reciprocamente fedeli.

Se si sta pensando seriamente di portare all’altare il proprio partner, è già un buon inizio avere la consapevolezza di essere amate, specialmente se l’amato bene ha lasciato cadere qualche considerazione apparentemente casuale sulla possibilità di invecchiare insieme, passando il resto della vita sotto lo stesso tetto, aiutandosi l’un l’altro.

Ma ci sono altri segnali riguardanti noi stessi e il partner da tenere presenti quando si pensa alle nozze. Se il partner sembra fare orecchie da mercante quando si parla di matrimonio, non necessariamente c’è da spaventarsi pensando di avere a che fare con un farfallone a cui viene l’orticaria solo a sentire parlare di impegno duraturo. Può essere semplicemente che il partner appaia freddo perché non abituato ad affrontare certi argomenti.  

Può infatti accadere che il vostro compagno eviti di parlare di nozze per il timore di apparire svenevole ai vostri occhi, o per paura di sembrare bisognoso di conferme: in questi casi bisogna ricordare che gli uomini difficilmente amano palesare le proprie debolezze e sono pochi (e ammirevoli) quelli che invece riescono a esternare i sentimenti senza ritrosie.

Quali sono in concreto i segnali per capire in primo luogo se voi siete pronte al grande passo? Avete definitivamente archiviato il vostro ex e non vi aggirate per le strade con sguardo famelico in cerca di uomini da sedurre; avete segretamente deciso che nomi dare all’eventuale prole; avete cominciato a mettere da parte un gruzzoletto per qualche momento speciale; siete orgogliose di presentare il vostro fidanzato alla vostra famiglia e agli amici; fate qualcosa che detestate ma che il vostro uomo adora, e lo fate solo perché così lo rendete felice.   

E riguardo ai segnali che indicano una buona possibilità che la vostra proposta di nozze venga accolta positivamente? Se passando davanti a una gioielleria, lui si ferma a commentare gli anelli d’oro proseguendo poi il cammino come nulla fosse; se scoprite che il vostro fidanzato si allena ad apporre la firma sul retro del suo diario personale; se organizza una cena per vedere i suoceri; se passando davanti a una festa nuziale si ferma ad ammirare l’abito della sposa: in tutti questi casi è tempo di pensare al “fatidico sì“.

Infine, ecco i segnali che indicano una immaturità del partner per un impegno così importante: al matrimonio di amici lui se ne esce dicendo che la giornata ha implicato un grande spreco di denaro e che lui lo avrebbe usato per una lunga vacanza? Oppure al solo sentire la parola “matrimonio” il vostro lui accusa brividi e pallore? Vi dice che impegnarsi significa comprare un cane e non certo firmare un contratto? Sapete che ha in mente di viaggiare per un anno, comprare una casa e impostare un nuovo affare? Forse le nozze non sono esattamente una sua priorità.

Comunque, mai disperare. In questi casi può rivelarsi molto efficace il buon esempio. Allora, datevi da fare e coinvolgete il vostro amato Peter Pan in allegre riunioni di famiglia e in eventi insieme ad amici comuni felici di avere la fede al dito. Come si dice, “Ben fatto è meglio che ben detto…”.