Quando arriva la stagione fredda ogni mamma si preoccupa per il proprio bambino, domandandosi se portarlo fuori possa nuocere alla sue pelle delicata. Chiudersi in casa, tuttavia, non è una soluzione, infatti durante l’inverno uscire con i piccoli è importante per garantirgli aria pulita e la scoperta del mondo esterno.

Proteggere la pelle del neonato è possibile anche durante l’inverno, grazie ad alcuni accorgimenti e all’utilizzo di semplici prodotti specifici che la mamma può usare per curare l’epidermide del bambino, creme che creando una sorta di barriera protettiva permettono al piccolo di uscire senza correre rischi.

La pelle dei bambini, come quella degli adulti del resto, soffre le condizioni climatiche avverse e il vento e le basse temperature possono creare un disagio. Il continuo passaggio dall’esterno all’interno (dentro le case o gli ambienti chiusi dove il calore può seccare molto la pelle) provoca la perdita della barriera idrolipidica che aiuta a proteggere la pelle in condizioni normali, quella che in inverno noi adulti preserviamo con l’utilizzo di creme nutrienti. La cute durante i mesi invernali, più sensibile e debilitata, può incappare in irritazioni, allergie ed eczemi.

Quando portiamo il bambino a spasso nei mesi più freddi, la prima regola fondamentale è idratare la pelle. Così come ci preoccupiamo di far indossare al nostro piccolo vestiti più pesanti, dobbiamo pensare che anche il viso deve avere una “coperta” più pesante, semplicemente una buona crema emolliente e inodore.

Un altro consiglio della nonna è quello di non lavare il viso del piccolo al mattino: il neonato di certo non si trucca né utilizza prodotti che necessitano di particolari attenzioni, quindi a parte qualche residuo di latte la mattina appena sveglio il bambino non ha necessità di essere lavato come noi. Per questo il viso del piccolo resterà più protetto.

Anche in inverno il bagnetto deve essere un momento importante ma non ripetuto eccessivamente: usiamo prodotti molto delicati ed evitiamo bagni inutili: a ogni cambio del pannolino puliamo e laviamo bene con acqua tiepida e sapone a PH neutro, ma limitiamo il bagnetto a una o due volte la settimana.

Per quanto riguarda l’abbigliamento, inoltre, è meglio evitare indumenti di lana, che spesso irrita la pelle delicata dei bambini e acuisce eventuali eczemi e arrossamenti. Una buona soluzione per alleviare e prevenire fastidi di questo tipo è lavare gli abiti usando sempre un ottimo ammorbidente, che renderà i tessuti più morbidi evitando sfregamenti.

Meglio evitare, infine, di sfregare la pelle del bambino per asciugarlo, basterà tamponarlo e tenerlo al caldo, magari ultimando il rito dell’idratazione con un bel massaggio aiutandosi con un olio apposito. In un solo gesto è possibile regalare al piccolo un nuovo film protettivo per la pelle e una coccola speciale.

Fonte: Askamum