Hanno ormai troppa fretta di crescere le bambine di adesso, troppa voglia di mostrare i cambiamenti del fisico che non è ancora quello di un’adulta e troppa voglia di atteggiarsi come donne mature, abbandonando in fretta l’età dell’infanzia. A primo impatto potrebbe sembrare semplicemente un capriccio, o magari un gioco, ma sempre più studiosi si interrogano sulla natura di questo sviluppo precoce, chiedendosi se è possibile definirlo un fenomeno sociale o addirittura una patologia.

Una cosa è certa: oggi come oggi, le motivazioni che aumentano i casi di crescita precoce sono legate alla vita che conducono queste piccole donne, all’influenza della TV e soprattutto di Internet, mezzo per eccellenza che divulga contenuti spesso riservati ad adulti, nonché ai miti di ragazzine coetanee diventate già grandi per un immediato successo, come ad esempio Miley Cyrus.

Studi in merito sono stati condotti negli Stati Uniti, dove è stato rilevato che la percentuale delle ragazzine che inizia lo sviluppo puberale a 7 anni è aumentata dal 5 al 10%, e in Italia, dove invece si è notato come da una generazione all’altra il periodo dell’infanzia è terminato un anno prima.

Gianni Bona, responsabile della clinica pediatrica di Novara, spiega il fenomeno in questi termini:

In ambulatorio vediamo sempre più bambine che sviluppano velocemente. La pubertà precoce va curata perché ha un forte impatto sulla crescita psicologica e fisica. Le bambine vanno incontro a problemi perché il loro corpo cambia mentre loro sono ancora piccole. Poi chi conclude presto la pubertà resta più basso. Ricerche svolte nei campus universitari USA ci dicono che l’altezza media delle femmine si sta abbassando. Le ipotesi a riguardo sono molte. Si pensa a sostanze come i fitoestrogeni contenuti nei vegetali. Oppure a composti sintetici che mimano gli estrogeni. In generale, si sa che l’inquinamento ambientale ha un ruolo, ma non è mai stato dimostrato con certezza.

Queste invece le parole di Chiara Ciampi, neuropsichiatra infantile al pediatrico Meyer di Firenze, che da più importanza al lato psicologico del fenomeno.

Certe immagini erotiche che passano in televisione o sui giornali, possono avere un ruolo. Guardare troppa TV innesca una reazione ormonale che anticipa i primi segni della pubertà.

Nella seguente gallery, tre delle star che hanno raggiunto il successo giovanissime, perdendo così la propria infanzia: Miley Cyrus, Lindsay Lohan e Britney Spears.