Primavera: tempo di novità, di uscire dal letargo e quindi uscire anche di casa, voglia di nuove attività, nuove amicizie, e anche nuovi amori. Ma se si è in una relazione di lunga durata, non c’è bisogno di buttare tutto all’aria, basta togliere le ragnatele alla coppia e far entrare nuova aria.

Le relazioni lunghe corrono sempre il rischio di perdere la scintilla della passione. Routine e stress quotidiani soffocano la coppia in una rete di comportamenti consolidati, fino ad arrivare alla mancanza di dialogo, {#sesso} e comprensione, con il rischio di cadere nelle braccia di un nuovo amore. Inevitabile? No. Si possono convogliare le energie portate dalla primavera per ravvivare il rapporto, per prima cosa facendo attività nuove insieme. Suona certamente banale, ma per quanto lo sia è anche di sicura efficacia. Dopo anni insieme si arriva a una stabilità tale che spesso si fanno le stesse cose tutti i giorni senza accorgersene. Che sia guardare film al cinema o in tv, o fare una passeggiata nel fine settimana, il problema è la consuetudine che fossilizza il rapporto. Bisogna inserire una variazione sul tema, può essere un gioco di ruolo al posto del film, un aperitivo in una giornata qualunque della settimana, un concerto, qualunque cosa che faccia deragliare un po’ i binari dell’abitudine.

Mai sottovalutare il fatto che per quanti anni si siano trascorsi accanto al proprio compagno, avrà sempre un lato a noi perfettamente sconosciuto. Ma mentre all’inizio della relazione ci si lanciava in chiacchierate fino all’alba per scoprire la persona che si aveva accanto, dopo tanto tempo insieme si arriva a pensare che non ci sia più niente di nuovo, ed è un errore. Dopo le domande di rito, tipo “Com’è andato il giorno”, “Com’è andata al lavoro”, basta concedersi tempo e attenzione per ben altre domande. Tornare a scavare in profondità per scoprire cose nuove, magari insospettate, e vedere il proprio uomo con altro occhio, e così rinverdire il rapporto.

Ci sono poi gli accorgimenti più pratici. Primo su tutti quello di fare un cambio radicale nella propria camera da letto. Perché spesso cambiamenti esteriori portano a cambiamenti interiori. E trovarsi in una camera più simile a un nido d’amore che a un caos di calzini e magliette può facilmente portare nuove energie tra le lenzuola. Rivolgersi a un consulente matrimoniale è generalmente visto come un modo per salvare in extremis un rapporto già in crisi, ma il detto del “meglio prevenire che curare” vale anche in questo caso, e da qui possono scaturire molti cambiamenti positivi.

Infine, il suggerimento più facile ed efficace per vivacizzare il rapporto: una vacanza insieme. Soli in un paese sconosciuto rinsalda l’unione, accende la curiosità di entrambi, verso il luogo in questione e di riflesso uno per l’altro, lontano da stress e con tempo da dedicare al partner. Una vacanza ovviamente destabilizza ogni routine, e non solo per la durata stessa, ma per il tempo dedicato a prepararla, e per gli strascichi successivi al ritorno. E la primavera è il momento migliore per i viaggi.

Fonte: YourTango