I fastidiosi e antiestetici punti neri che si formano sulla pelle del viso possono essere eliminati piuttosto facilmente ed efficacemente attraverso alcuni metodi fai da te, senza il bisogno, quindi, di doversi rivolgere ad un’estetista. I punti neri, caratteristici della fase adolescenziale ma poi presenti anche in età adulta, tendono a comparire quando il sebo all’interno del poro della pelle si accumula in modo eccessivo, provocando quindi la dilatazione del poro e l’ossidazione del sebo stesso (meccanismo che gli fa poi assumere il classico colore scuro).

L’eccesso di sebo che provoca i punti neri può essere conseguenza diretta di molteplici cause. Fra queste soprattutto la scarsa o errata pulizia del viso ma anche inquinamento, smog, trucco, stress, scorrette abitudini alimentari. La prima regola da osservare è che i punti neri non vanno eliminati schiacciandoli: si potrebbero provocare anche delle infezioni, peggiorando così la situazione, ma anche cicatrici, che resterebbero visibili sulla pelle. Per eliminare i punti neri è molto meglio mettere in pratica uno dei seguenti consigli che tra poco saranno illustrati.

Punti neri: eliminarli grazie al bicarbonato di sodio

Eliminare i punti neri servendosi del bicarbonato di sodio è un metodo veloce ed economico. Oltre a pulire perfettamente il viso, il bicarbonato si presenta come un antinfiammatorio e un antisettico naturale; riesce inoltre a riequilibrare il Ph della propria pelle e, se mescolato all’acqua, la pulisce e la esfolia in modo molto efficace. Come già anticipato, il primo metodo è piuttosto semplice: basta procurarsi un ciotola, del bicarbonato di sodio e dell’acqua, non dimenticando di avere a portata di mano anche un cucchiaio.

A questo punto basta mettere due cucchiai di bicarbonato di sodio e un cucchiaio di acqua nella ciotola e poi mescolare bene finché non si ottiene una sorta di preparato cremoso e liscio. Quest’ultimo va poi applicato sulla pelle del viso (che in precedenza è stata ben pulita) e lo si lascia asciugare. Quando inizierà a staccarsi dalla pelle, sarà giunto il momento di rimuoverlo: basta sciacquare con acqua calda e alla fine passare sul viso dell’acqua fresca. Il preparato di bicarbonato di sodio e acqua non andrebbe applicato sul contorno occhi e in generale sulle zone del viso in cui la pelle appare troppo secca, arrossata oppure screpolata.

Punti neri: eliminarli grazie ai fumenti

Un altro metodo casalingo per sbarazzarsi dei punti neri è quello di fare dei fumenti. Basta portare ad ebollizione l’acqua messa in un tegame (all’interno del quale possono aggiungersi anche delle gocce di tea tree oppure quattro cucchiaini di bicarbonato di sodio). Una volta che l’acqua è pronta, basta portare il viso sul tegame – senza avvicinarsi troppo, per non scottarsi – e coprire la testa con un asciugamano, restando così per almeno dieci minuti. Questo meccanismo serve per permettere ai pori della pelle del viso di dilatarsi, in modo che sia poi agevolata l’eliminazione dei punti neri. Questi ultimi vanno quindi rimossi applicando una leggera pressione su di essi, utilizzando una garza oppure dei fazzolettini. Al termine delle operazioni di rimozione, il viso va pulito con del tonico astringente.

Punti neri: eliminarli grazie ai cerotti fai da te

L’ultimo metodo efficace per rimuovere i punti neri si può mettere in pratica preparando dei cerotti fai da te seguendo queste istruzioni: basta tagliare a forma di rettangolo alcune garze e poi immergerle in un ciotola in cui è stato sbattuto dell’albume d’uovo con alcune gocce di succo di limone. Le garze vanno poi applicate sulla zona T del viso (mento, naso, fronte) ed eventualmente sulle guance, lasciate asciugare per circa venti minuti e poi rimosse con molta delicatezza. L’operazione potrebbe dover essere ripetuta più di una volta, a distanza di giorni, a seconda della grandezza o della quantità dei punti neri presenti sulla pelle del viso.