Il regista bolognese Pupi Avati, presente al Festival del Cinema di Roma per la presentazione del film documentario “L’illazione” dedicato a Lelio Luttazzi scomparso un anno fa, e successivamente per presenziare all’anteprima del suo ultimo film in concorso alla manifestazione, “Il cuore grande delle ragazze”, ieri pomeriggio ha avuto un malore ed è stato immediatamente condotto al Policlinico Umberto I di Roma.

Galleria di immagini: Foto del regista Pupi Avati

Dalle prime dichiarazioni del fratello del regista, che tra pochi giorni compirà 73 anni, si informava che Pupi Avati era stato colpito da un lieve malore e che era stato condotto in ospedale per accertamenti, augurandosi che l’incidente non facesse rinviare il giorno della proiezione del suo film.

Tuttavia, stando alle ultime notizie, pare proprio che il regista in ospedale sia stato prontamente sottoposto ad un’angioplastica perché colpito da infarto.

Nel frattempo, augurandosi che il pericolo sia stato scongiurato, bisognerà aspettare almeno 24 ore, il tempo previsto per accertare che le condizioni di salute di Avati siano buone, sperando che venga presto dimesso così da assistere alla prima della pellicola che lo ha visto dirigere per la prima volta il cantante Cesare Cremonini e Micaela Ramazzotti, in una storia tutta incentrata sui valori della famiglia.

Fonte: La Repubblica