Lunghe sessioni in palestra, ore a correre, decine di vasche in piscina: siamo sicure di sapere davvero quale sport fa dimagrire? Negli anni si sono susseguite teorie anche molto diverse tra loro, in materia. Si è andati da chi sosteneva che il dimagrimento della massa grassa avvenisse solo dopo i primi 35 minuti di sforzo aerobico a chi, al contrario, ha dimostrato, dati alla mano, come per perdere chili di troppo sia sufficiente un’attività fisica leggera ma costante, come una camminata di almeno mezz’ora al giorno.

Difficile a dirsi quale sia la verità. Probabilmente tra qualche tempo si arriverà alla conclusione – provata su grossi numeri e quindi scientifica – che lo sport che fa dimagrire varia da persona a persona, a seconda dell’età, della costituzione e, infine, perfino del dna.

In attesa di giungere a questa certezza, cerchiamo di fare un po’ di ordine e di cercare di stabilire quale sport fa dimagrire e quale no, vagliando una carrellata degli allenamenti e delle attività fitness più diffuse.

  • Il ciclismo, la corsa, la marcia e lo sci di fondo sono attività di tipo aerobico in cui i muscoli lavorano in condizioni di massima ossigenazione: l’organismo utilizza l’ossigeno dell’aria ed i substrati energetici (carboidrati, grassi e in minima parte proteine) per produrre l’energia necessaria a soddisfare le aumentate richieste metaboliche.
  • La corsa coinvolge grandi masse muscolari, consentendo così di bruciare molte calorie. In generale tanti più muscoli vengono coinvolti nel movimento e tante più calorie si consumano. Il tempo di corsa deve essere sempre superiore ai 20 minuti per avere i primi effetti dimagranti. L’ideale sarebbe correre almeno 30/40 minuti per 3 volte a settimana.
  • Chi non riesce o non può correre, può praticare una camminata continuata a ritmo sostenuto ogni giorno, per almeno un’ora, incrementando le distanze percorse.
  • Il nuoto è un’ottima disciplina per dimagrire. Per bruciare i grassi bisogna nuotare 45 minuti per almeno 3 volte a settimana, alternando gli stili e i ritmi. Non c’è bisogno di non fermarsi mai, ma ogni tanto è consigliabile eseguire scatti di velocità (dai 25 ai 150 m) con breve recupero. Con le palette, le pinne e la tavoletta potrete inoltre tonificare meglio braccia e gambe. L’obiettivo minimo sono i 1.200 metri.
  • Molto efficace anche l’hydrobike: la bicicletta immersa in acqua sfrutta la resistenza (con dei pesi) e si lavora sulla velocità, bruciando grasso.
  • Un buon consumo calorico si ottiene anche con lo spinning eseguito a ritmo intenso (soprattutto con programmi di rapidità/pianura).
  • Lo yoga è una disciplina che fa bruciare grosse quantità di calorie, perché molti esercizi si svolgono a ritmo veloce e fanno sudare. Gli esercizi lenti, invece, insegnano a concentrarsi sulla vostra parte interiore e sulla quantità di cibo da introdurre nell’organismo.