La cellulite è un difetto estetico che crea disagio a molte donne. Senza ricorrere alla chirurgia estetica, con una sana alimentazione, si può fare molto per migliorare il problema. Gli agrumi, che solitamente vengono consumati nella stagione fredda, oltre a essere una vera e propria panacea per l’organismo, svolgono un’azione molto importante nel combattere e prevenire la cellulite.

In tutti gli agrumi è elevato il contenuto di vitamina C che ha proprietà antiossidanti che mantengono elastica e giovane la pelle, e rivestono un ruolo importante nel rafforzare le difese immunitarie da malattie come i raffreddori di stagione, la bronchite e l’influenza.

In recenti studi è emersa anche la correlazione che hanno gli agrumi, e in particolare l’arancia, nella prevenzione del cancro allo stomaco e all’intestino. Altre ricerche hanno dimostrato che le persone che solitamente assumono agrumi sono in realtà molto più reattive e agili, oltre a essere di buon umore. Il quantitativo di vitamina C ideale, in una dieta quotidiana, non deve essere minore di 60 mg, che tradotto in termini quantitativi corrisponde a 3 o 4 arance o pompelmi al giorno.

Forse non tutti sanno che gli agrumi possono inoltre far perdere fino a 3 chili di peso in un mese, purché assunti all’interno di una dieta equilibrata almeno in 2 o 3 porzioni distribuite nei 5 pasti quotidiani. In particolare, l’arancia è ricca di antociani, i quali contribuiscono a tenere sotto controllo gli adipociti riducendone la dimensione. L’azione degli antociani, unitamente alla vitamina C, ossigena i tessuti, attiva la circolazione linfatica e favorisce il drenaggio dei liquidi, eliminando tossine, adipe, e in particolare, la cellulite. Il consiglio è quello di preparare una spremuta di arance fresche al giorno, meglio se consumata durante la colazione o gli spuntini.

Ma l’arancia si presta benissimo anche per la preparazione di {#dolci} e dessert leggeri e gustosi. Per realizzare una gelatina d’arancia basta far bollire 100 ml di acqua e aggiungere un cucchiaino di agar (che favorirà la solidificazione), fare sciogliere e versare il tutto in mezzo litro di spremuta d’arancia; mescolare bene e trasferire in uno stampino per budino e lasciare solidificare.

Un altro agrume straordinario dal punto di vista nutrizionale è il mandarancio. In un programma dimagrante, il mandarancio, è un alimento che non dovrebbe mai mancare, perché grazie sue proprietà riesce a tenere sotto controllo il senso di sazietà. Per preparare un buonissimo dessert al pepe nero lavare e asciugare un mandarancio, quindi affettarlo e successivamente condirlo con un cucchiaino di miele e timo miscelato a del pepe nero.

Il mandarino, insieme agli altri sopra citati è un agrume che non deve mai mancare in una dieta dimagrante. Oltre a ridurre la fame nervosa e la ritenzione idrica è un’ottima fonte di magnesio e potassio e favorisce anche la diuresi. Alcune recenti ricerche hanno isolato nella polpa bianca della buccia dei mandarini la nobiletina, una sostanza che ha la capacità di aumentare la produzione di adiponectina, a sua volta importante per la protezione cardiovascolare e il controllo del peso corporeo. La buccia del mandarino può essere inoltre utilizzata per insaporire insalate, olive e zuppe di verdure.

Il pompelmo rosa tra tutti è sicuramente l’agrume più conosciuto per le sue proprietà brucia-grassi e anti-età. Ha tutte le peculiarità del pompelmo giallo, poiché contiene il licopene un potente antiossidante, ma soprattutto brucia i grassi e mantiene attivo il metabolismo della donna dopo i 40 anni. Con il pompelmo rosa è possibile preparare un antipasto sfizioso sistemando gli spicchi a tocchetti in una terrina e aggiungendo finocchio affettato e un filo d’olio extravergine di oliva.

Fonte: Obiettivo benessere.