L’amore non si compra, non si trova per strada, ma si nasconde. E spesso si è pronte a nasconderlo, ad avere altre priorità nella propria vita, come la carriera, una soddisfazione sportiva, una casa tutta propria. Ma a un certo punto molte donne pensano di essere pronte per avere una relazione. Come se a un certo punto della propria vita suoni una sveglia e giunga una consapevolezza che non sia solo la mera espressione di non voler morire da soli.

=> Leggi dell’amore a prima vista

Come si fa, però, a capire quando il momento è arrivato, quando ci si può aprire a una relazione stabile e dunque all’amore? I segni più frequenti del fenomeno sopravvengono quando giunge anche la consapevolezza di sé, della propria individualità, quando si è felici della propria vita, quando si è soddisfatte della propria carriera, quando il rapporto con se stesse è diventato tale che si pensa di potersi aprire all’altro, a un compagno, a dei figli.

Questa però è una concezione che non tiene conto di quello che in effetti l’amore rappresenta. L’amore arriva e basta: si incontra una persona, la si frequenta, magari si va a vivere insieme e si scopre che è la persona con cui si vorrebbe restare tutta la vita, metter su famiglia. Una donna si può sentire soddisfatta di sé nei modi e nei momenti più disparati, anche dopo aver ristrutturato la propria casa, ma non significa necessariamente che sia pronta a riempirla.

Quello dell’amore non è un passaggio obbligato per tutte, non tutte hanno l’attitudine a una vita di coppia. Non è come in passato, quando una single veniva bollata come zitella acida. Si è pronte all’amore semplicemente quando si è disposte ad accettare la persona giusta nella propria vita, quella che fa stare bene, quella che manca quando non c’è, quella a cui si vorrebbe somigliasse il proprio figlio. Non basta essere consapevoli della propria individualità, anche se occorre dimenticare tutto ciò che è accaduto in passato, i propri ex e i dolori trascorsi. Ma l’amore e la consapevolezza di sé non vanno sempre a braccetto, non è come quanto si ottiene una promozione al lavoro e si decide di ristrutturare la cucina o di comprare una nuova automobile.

Fonte: YourTango.