La prima, fatidica domanda quando si decide di mettersi a dieta è sempre: quante calorie bisogna bruciare al giorno per dimagrire davvero? Spesso, infatti, a fronte di mille sacrifici e rinunce, non si riescono a smaltire i chili di troppo proprio perché alla base c’è una valutazione scorretta delle calorie.

Va da sé che la soluzione migliore è sempre quella di rivolgersi a un esperto, un nutrizionista, che possa aiutarci a calcolare precisamente il dispendio calorico necessario per dimagrire, in base alle necessità e alle esigenze personali che possono essere molto diverse.

In linea di massima, possiamo affermare che per dimagrire è bene bruciare più calorie di quante ne consumiamo normalmente. Più precisamente, si stima che per perdere 1 kg di peso corporeo sia giusto puntare a un deficit calorico mensile di 7000 calorie, teoricamente 250/260 calorie in meno al giorno.

Leggi anche: La dieta senza pane e pasta | La dieta depurativa per perdere 3 kg

Ciò detto, è bene anche considerare che per dimagrire ci sono però due possibilità: quella di ridurre, appunto, le calorie introdotte attraverso l’alimentazione, puntando quindi su un regime dietetico specifico, ma anche quella di incrementare l’attività fisica e dunque bruciare più calorie durante la giornata.

Secondo gli esperti la scelta migliore è sempre quella di abbinare le due strategie: ovvero cercare di dimagrire sia riducendo l’apporto calorico sia abbinando una buona attività fisica. Bisogna infatti tenere presente che perdere peso puntando solo su un drastico taglio delle calorie ha come effetto collaterale l’impatto sul metabolismo che viene necessariamente rallentato.

Di norma, il nutrizionista potrà aiutare a individuare una dieta personalizzata, calcolando precisamente le calorie da assumere al giorno per dimagrire, anche sulla base del proprio stile di vita, che può essere più o meno sedentario.