Si incontra un uomo, per la prima volta. Si dice che l’amore arriva quando meno lo si aspetta e chi l’ha provato assicura sia vero. Ma se l’amore sarà per la vita o quanto meno duraturo è una cosa che si comprende in itinere, vivendo giorno per giorno la propria storia. E se per le donne il {#sesso}, sebbene importante, passa in secondo piano rispetto all’amore, gli uomini hanno altre necessità che spesso cercano di sfociare nella fisicità. E a questo punto ci si domanda: quanto si deve aspettare per farlo la prima volta con un nuovo uomo?

In realtà si tratta di una domanda retorica, cui può stare bene solo una risposta: quando una donna se la sente. Se lo si fa troppo presto, si tende a pensare: crederà che sono una ragazza facile? E alcuni uomini lo fanno: mentre qualcuno trova assolutamente delizioso che una donna possa concedersi dopo solo pochissimi appuntamenti, qualche misogino (e non sono pochi) crede invece che un avvenimento del genere non possa essere semplicemente il sintomo della sintonia con la nuova fiamma. Anzi, nella mentalità comune un uomo che la prima sera mette una nuova tacca sulla cintura è considerato dai suoi simili un tombeur des femmes.

La verità è che non esiste una regola con gli {#uomini}. In altre parole, se lui è fasullo può darsi che si ingaggi una relazione anche per molto tempo. Ma se l’uomo che si sta frequentando non ha un reale e importante interesse amoroso, alla lunga il gioco si scopre. E inoltre, gli uomini non si dovrebbero far aspettare troppo: magari si incontra un bravo ragazzo che ci vuole bene davvero, ed è comunque naturale che questo affetto si trasformi in qualcosa di fisico. L’amore è un sottile equilibrio tra fisicità e interiorità: la mancanza uno di questi due fattori non farà altro che spezzare il delicato bilanciamento.

Come in tutte le questioni amorose, bisogna seguire il proprio istinto. A volte si sbaglia, a volte no: è tutta fortuna in fondo. Con la precarietà che oggigiorno si tributa ai rapporti umani, non sarebbe strano terminare una bellissima storia d’amore perché si è troppo o troppo poco disponibili. I latini dicevano che la virtù sta nel mezzo e bisognerebbe sempre più spesso far tesoro di questo motto. E non è sempre vero che in amore vince chi fugge: i tempi delle donzelle ritrose sono passati da circa un secolo. Oggi le donne sono emancipate e consapevoli di quello che desiderano, per cui aspettare non ha senso. Se non si superano le proprie barriere mentali, forse neanche gli altri riusciranno a fare lo stesso nei nostri confronti.

Fonte: The Frisky.