Quanto costa rifarsi il seno? Sono tante le donne che decidono di sottoporsi all’intervento di mastoplastica additiva per aumentare il volume del seno e renderlo armonioso con il resto del corpo. Secondo le stime dell’associazione ISAPS, la mastoplastica additiva si ritrova sul podio degli interventi più eseguiti a livello mondiale.

Le tecniche per aumentare il volume del seno sono diverse, in base alla situazione di base della paziente e alla preferenza del chirurgo, anche l’incisione per l’inserimento delle protesi può essere quanto mai variabile. Esistono tre differenti approcci: l’incisione transascellare, l’incisione periareolare e l’incisione sottomammaria. Ogni paziente è unica, con una diversa conformazione anatomica e l’intervento chirurgico deve essere personalizzato su ogni singola paziente.

Il costo dell’intervento chirurgico varia in base alla situazione di partenza e al progetto stabilito con la paziente. Per avere un’ idea orientativa di costi, abbiamo fatto la domanda al dottor Erminio Mastroluca, chirurgo plastico ed estetico oltreché responsabile del settore Chirurgia di Villa Anna Maria di Roma che ci ha così risposto:

Per una mastoplastica additiva semplice il costo minimo è di 6.000 euro fino ad un massimo di 8.000 euro, quando la situazione di base prevede accorgimenti maggiori. Diverso è il discorso di una mastopessi laddove, di fronte ad una ptosi del seno, si impone la necessità di sollevare la mammella e riconizzarla. Anche per questa tipologia di intervento chirurgico non è possibile dare un prezzo univoco. La ptosi della mammella può accompagnarsi anche ad una perdita di volume e in tal caso, oltre alla pessi, si associa l’inserimento di una protesi (se richiesta dalla paziente) per rendere il seno più turgido. Il costo in questo caso, varia dai 7.000 ai 10.000 euro.

Un investimento che potrebbe valere la pena fare, non senza aver consultato prima un bravo chirurgo estetico.