Raffaele Sollecito presto negli Stati Uniti. Molto presto, stando a quanto dichiarato dallo stesso giovane pugliese. L’invito da parte di Amanda Knox sembra non essere caduto nel vuoto, anzi, la voglia di vedersi da parte dei due è tanta e forse potrebbero accorciarsi i tempi previsti. L’attesa non sarà più per il periodo di Natale, per il nuovo incontro si parlerebbe addirittura di novembre.

Nel frattempo Sollecito annulla la messa che lui stesso aveva organizzato in favore di Meredith Kercher.

Galleria di immagini: Amanda Knox

La reazione dell’opinione pubblica, ha dichiarato, rischiava di alzare un polverone, o come ha personalmente affermato: “Ci sarà chi la dirà cotta e chi la dirà cruda”. Niente funzione quindi, ma vicenda che si polarizza inevitabilmente e nuovamente sul rapporto tra Amanda Knox e il suo ex fidanzato.

I due, a quanto pare, non hanno mai smesso di sentirsi e di cercarsi, come se davvero non avessero altra opportunità di ricominciare a vivere che quella di incontrarsi e superare insieme l’intera vicenda. Questo è il pensiero più volte espresso da Amanda, riflessione che ora mostra di condividere pienamente anche Raffaele Sollecito:

«È stata lei a invitarmi. Io ho accettato con gioia. E non è detto che aspetti Natale. Potrei farlo anche prima. In qualunque momento. Ho voglia di rivederla, di parlare, di guardarla negli occhi. Ci telefoniamo o ci scriviamo tutti i giorni: abbiamo bisogno l’uno dell’altra sia per tentare di capire cosa è successo sia per guardare avanti, verso un futuro che sembrava spezzato per sempre e che invece possiamo ancora costruire. Abbiamo tante cose da dirci, dopo aver passato quattro anni in un girone infernale che ci ha stritolato, ci ha procurato sofferenze indicibili, ci ha rovinato la vita».

Fonte: Essenziale