A tre settimane dal terribile sisma che ha colpito Haiti, Raffaella Carrà ha scelto le pagine del magazine “Diva&Donna” per lanciare un accorato appello:

Adottiamo i bambini di Haiti e aiutiamoli con il sostegno a distanza. Bastano 25 euro al mese per cambiargli vita.

In merito al proprio supporto a questa iniziativa benefica, Raffaella aggiunge:

Quando mi hanno chiesto di essere testimonial di questa iniziativa per sollecitare il sostegno a distanza, non ho dubitato un attimo.

Non è la prima volta che la conduttrice TV sposa questa causa. Nel 2006, ne aveva fatto il tema centrale del suo show su Rai Uno “Amore“, dove tramite un centralino, raccoglieva le adesioni di quanti volevano aiutare i bambini dei paesi più poveri con un sostegno concreto. Il risultato fu straordinario: 130,00 richieste pervenute, un vero successo per la missione sociale che la Carrà si era prefissa.

Doveroso ricordare, poi, che lei stessa sostiene i bambini sfortunati, con ben 9 adozioni a distanza in giro per il mondo.

Nessuna novità, invece, dal punto di vista professionale: Raffaella è lontana da un bel po’ dai nostri schermi anche se, recentemente, ha espresso il desiderio di tornare a lavorare in radio:

Mi piacerebbe tornare a lavorare in radio, è magica, ma non me lo chiedono, oppure pensano che non mi interessi.

Che sia in TV, in radio o fieramente impegnata in progetti umanitari, la Carrà è sempre la Carrà.