Solo il primo giro è gratis per Roberto Benigni: dopo la performance gratuita a “Vieni via con me“, alla “Divina Commedia” interpretata dall’attore italiano la Rai dice “no”. La motivazione riguarderebbe l’ingente somma di denaro che Benigni avrebbe richiesto, ovvero 1.500.000 euro.

In origine, la Rai aveva pensato una serata speciale in cui l’attore avrebbe illustrato ai telespettatori alcuni passi della Commedia dantesca, il cui appuntamento era programmato per dicembre. Ma quando Benigni ha servito il conto, la direzione Rai ha dovuto raffreddare l’entusiasmo.

Pare che, però, questa volta non sia colpa di Mauro Masi: la proposta di Benigni non è mai arrivata sulla scrivania del Direttore Generale Rai. A parlare con Lucio Presta, manager del Roberto nazionale, sarebbero stati invece i direttori delle tre emittenti Rai Mauro Mazza, Massimo Liofredi e Paolo Ruffini.

Ma agli telespettatori che ancora credono nella cultura e nella satira in Rai, la motivazione economica non basta. C’è chi crede che dietro al rifiuto della direzione generale ci siano ragioni politiche: com’è possibile che la reti pubbliche boccino Roberto Benigni, rinunciando anche a una serata al massimo dello share?

La presenza del premio Oscar a Rai Uno ha infatti permesso all’emittente di superare il 30% di share: basti pensare all’ospitata a “Vieni via con me”, nella quale l’interprete del Sommo Poeta è riuscito a ottenere il 32% di share.