Una proposta per dire sì” è una commedia romantica diretta da Anand Tucker, con Amy Adams e Matthew Goode, che uscirà al cinema il 9 aprile.

L’attrice, due volte candidata agli Oscar, Amy Adams (“Come d’incanto” e “Julie & Julia”) ritorna così sul grande schermo per una commedia d’amore destinata a un pubblico prettamente femminile.

Secondo un’antica leggenda irlandese, alle donne è data la possibilità di fare una proposta di matrimonio al proprio uomo, soltanto però il 29 febbraio di un anno bisestile. Anna è una ragazza di Boston, fidanzata felicemente con Jeremy. La sua vita è perfetta: ha un ottimo lavoro e tiene tutto sotto controllo.

Dopo 4 anni di fidanzamento, però Anna decide che è tempo di sposarsi e rievocando le sue origini irlandesi e l’antica leggenda, decide di raggiungere il fidanzato che si trova a Dublino per un convegno e chiedergli la mano. Ma il viaggio non risulterà così facile: nubifragi e uragani costringeranno Anna ad arrivare in Irlanda, ma sul lato sbagliato dell’isola. Grazie a Declan, un giovane gestore di un pub, Anna cercherà di arrivare in tempo a Dublino.

Durante il tragitto, però, Anna capirà che cos’è il vero amore.

“Una Proposta per dire sì” è una commedia molto romantica sullo sfondo dell’Irlanda più verde e più romantica, tra ruderi di castelli abbandonati, estesi campi, casette piene di fiori e ricami.

La commedia è adatta principalmente a un pubblico femminile, non solo per i toni amorosi e mielosi del film, ma soprattutto perché giocato sull’abbigliamento della protagonista. Infatti, tra scarpe e vestiti firmati, da Paul Smith a Max Mara, il dramma di Anna si consuma quando deve camminare con i suoi tacchi nello sterco delle mucche, oppure quando la sua amata valigia firmata viene scaraventata senza alcun riguardo tra bagagliai sporchi.

Il dramma di Anna così diventa tutto femminile, e che solo le donne possono capire e comprendere.

“Una proposta per dire sì” è una commedia leggera, romantica, senza grandi pretese.