Reese Witherspoon è tornata a parlare di Robert Pattinson, suo collega sul set di “Come l’acqua per gli elefanti”, il dramma storico che li ha visti protagonisti lo scorso anno. Ma una cosa che pochi sanno è che i due avevano lavorato insieme anche ne “La fiera della vanità”, pellicola in cui il giovane attore inglese allora sconosciuto aveva una piccola particina.

Reese Witherspoon ha parlato di Robert Pattinson in una recente intervista concessa a MTV America ed è stata l’ennesima a parlarne molto bene. L’attrice ha infatti dichiarato a proposito del protagonista della saga di “{#Twilight}”:

Galleria di immagini: Reese Witherspoon su Marie Claire

«Direi che è la persona che lavora più duramente con cui io abbia mai lavorato, onestamente. È davvero professionale, un gran lavoratore, è molto riconoscente, la persona più grata per quello che fa nella vita che io abbia mai visto.»

Reese Witherspoon è un’attrice che conosce molto bene la scena di Hollywood ed è ormai sulla creata dell’onda da parecchio tempo. L’attrice 35enne ha infatti ottenuto i primi successi a fine anni Novanta in pellicole come “Cruel Intentions”, “Pleasantville” e “Twilight” (thriller che però nulla ha a che vedere con i vampiri), per poi diventare una delle regine delle commedie romantiche grazie a “La rivincita delle bionde” e “Tutta colpa dell’amore”; nel 2006 ha inoltre vinto l’Oscar per la sua interpretazione in “Quando l’amore brucia l’anima”.

Vista la sua grande esperienza, all’attrice è stato chiesto cosa ne pensasse dell’enorme successo di Robert Pattinson:

«Io non ho mai sperimentato come sia, andare alle première con milioni di persone che ti aspettano per toccarti. Però penso debba essere strano, ma non riesco nemmeno a immaginare cosa debbano affrontare lui e Kristen Stewart. Non lo so. Lui comunque è davvero un ragazzo a posto.»

Fonte: Mtv.com