E’ iniziata ufficialmente la corsa ai regali di Natale. Ogni anno le difficoltà crescono: il caos nei centri commerciali aumenta, il potere d’acquisto è in parabola discendente, il ventaglio di possibilità di scelta è talmente ampio da mandare in confusione chiunque, per non parlare della tempistica che non è mai quella giusta.

Ma i regali di Natale vanno fatti per forza (fermerei qui la domanda, ma giuro, non posso) a tutti gli amici e a tutti i parenti? E deve trattarsi in qualunque caso di regali di un certo valore? No perchè forse, un tempo, un paio di decenni fa quando io ero piccola e credevo ancora a Babbo Natale, l’omone con la barba era più ricco di ora e le cose funzionavano proprio così. Fiumi di regali, anche costosi, più o meno a tutti.

Oggi no: la crisi è talmente reale da sedersi a fare colazione con noi tutte le mattine; e pretende anche lei qualche regalo. Così il Natale è diventato una difficilissima questione di scelte consumistiche e qualche consiglio su come orientarsi è d’obbligo.

Innanzitutto vi direi di sedervi a tavolino con carta e penna e di scrivere: a chi farete il regalo e a chi no? La scelta non va effettuata solo in base a simpatia e/o obblighi, ma anche secondo questioni puramente logistiche. Se ci sono persone lontane, che a Natale non vedrete, pur tenendoci tanto bè, basterà una bella cartolina virtuale.

Per tutti quelli che rimangono in lista, considerate due sottocategorie: i gruppi e i singoli. Perchè ad esempio con i gruppi d’amici i regali possono essere dei semplici pensierini uguali per tutti (per non far torto a nessuno, nemmeno al portafoglio), da distribuire durante una festa di Natale da organizzare in una qualunque serata di dicembre.

Per i singoli, il discorso è più complicato. A chi fare i regali più costosi? A chi festeggia il compleanno in una data molto vicina a Natale ad esempio, poi di sicuro ai bambini e infine ai parenti più stretti e importanti, oppure agli amici che si sono distinti per esservi stati più vicini.

Se invece volete una soluzione drastica, comprate un solo grande regalo a voi stesse: un bel viaggio per le vacanze di Natale, uno di quelli la cui meta è talmente lontana da permettervi di mandare una cartolina virtuale a tutti.  Ah, e se la meta è abbastanza esotica, tenete presente che il sole e il mare potrebbero addirittura farvi dimenticare la malinconica atmosfera del Natale.

photo credit: katie-landry via photopin cc