La Regione Veneto ha emanato un bando allo scopo di incentivare interventi per la riqualificazione energetica degli alloggi di social housing.

Saranno, quindi, sottoposti a intervento di riqualificazione energetica gli edifici esistenti ubicati nei Comuni della Regione del Veneto. Il contributo può coprire fino al 100% delle spese ammissibili. Gli interventi finanziabili devono avere soprattutto lo scopo di aumentare le prestazioni energetiche degli alloggi in disponibilità alle AA.TT.E.R. e la riduzione del consumo di energia primaria.

Pertanto, interventi di: isolamento dell’involucro, delle coperture e di tutte le superfici opache; miglioramento delle prestazioni energetiche degli infissi e delle superfici trasparenti; installazione di impianti per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili (solare termico, geotermia a bassa entalpia, biomasse); la sostituzione di impianti per la produzione di energia termica con impianti ad alta efficienza.

La Regione mette a disposizione 18 milioni di euro, per la realizzazione di interventi sugli alloggi esistenti di edilizia residenziale pubblica (art. 1, comma 1 della legge 24 dicembre 1993, n. 560), assegnati in locazione permanente in base alla Legge regionale 2 aprile 1996, n. 10 “Disciplina per l’assegnazione e la fissazione dei canoni degli alloggi di edilizia residenziale pubblica”, non inseriti in piani di vendita ai sensi della normativa vigente in materia di edilizia abitativa e che non siano oggetto di cessione o di mutamento di destinazione per almeno cinque anni dal collaudo in conformità all’art. 57 del Regolamento (CE) n. 1083/2006.

Sono interventi che, pur rivolti allo scopo precipuo del risparmio energetico, avranno un risultato finale che si tradurrà, anche per il social housing, in maggior comfort abitativo, minore inquinamento ambientale e quindi qualità di vita a misura d’uomo e d’ambiente, oggi purtroppo in grave deterioramento.