Le regole a scuola ci sono e vanno rispettate. Come in tutti gli ambienti, come in qualsiasi situazione. Le regole servono per far sì che tutti possano convivere civilmente e con rispetto e che le attività scolastiche si svolgano nel migliore dei modi. Non si può vivere senza regole, neppure a scuola.

Le regole a scuola valgono tanto più perché si è in tanti a frequentare l’istituto e la classe. Se non esistessero norme da rispettare regnerebbe il caos più assoluto. E il primo scopo della scuola dovrebbe essere anche quello di imparare a rispettare le regole che ci sono, soprattutto quando ad apprenderlo devono essere dei bambini o dei ragazzi.

Regole a scuola: la guida su quelle da rispettare

Le regole da rispettare a scuola sono in realtà piuttosto semplici. E nella maggior parte dei casi si tratta soprattutto di norme che vanno ad incidere sul quieto vivere, se così lo si vuole definire. Altre regole, invece, sono più “istituzionali”. Ecco la lista delle principali da rispettare:

  • arrivare in orario a scuola
  • restare sempre in classe, anche tra un cambio di lezione e l’altro
  • tornare ordinatamente in classe non appena suona la campanella che sancisce la fine della ricreazione
  • non disturbare durante le lezioni, parlando con i compagni o arrecando fastidio in altro modo
  • attenersi alle regole stabilite dagli insegnanti
  • portare con sé l’occorrente richiesto per svolgere le lezioni
  • fare tutti i compiti e consegnarli quando richiesto
  • adottare un atteggiamento di rispetto nei confronti degli insegnanti
  • collaborare con tutti i compagni
  • tenere in ordine i propri strumenti e non danneggiare quelli dei compagni
  • non urlare quando ci si esprime
  • non creare situazioni di pericolo per sé e per i propri compagni
  • non mangiare durante le lezioni ma solo nei momenti in cui questo è concesso (ricreazione o altri momenti dedicati alla merenda e ai pasti)
  • se si chiede di uscire per andare in bagno, l’uscita deve essere dedicata solo a tale scopo e non deve essere una scusa per gironzolare per l’istituto
  • evitare di correre negli spazi scolastici che non sono adibiti a tale attività (come corridoi o cortili)
  • non danneggiare le strutture o i materiali scolastici.