Che la propensione al dialogo non fosse il punto forte di Renato Brunetta, si era già capito durante l’ultima puntata di Annozero, ma che Ministro della Pubblica Amministrazione arrivasse ad insultare i lavoratori precari era difficilmente immaginabile.

Il fattaccio è avvenuto ieri pomeriggio a Roma durante un convegno intitolato “Giovani Innovatori“, in cui era prevista la presenza del Ministro e un suo discorso in tema di giovani e innovazione. Prima dell’intervento di Brunetta però, un gruppo di precari ha esposto uno striscione riportante la scritta “Si scrive innovazione, si legge precarietà” e ha chiesto di poter intervenire in contestazione alle misure e ai provvedimenti adottati dal governo in merito al blocco delle assunzioni nel settore pubblico.

Galleria di immagini: Disoccupazione

La possibilità di intervenire è stata però negata, almeno fino a quando, conclusosi il discorso di Brunetta i precari si sono allora alzati e recati verso il palco, per parlare direttamente con il Ministro. Ma Brunetta, visibilmente alterato, ha immediatamente abbandonato la sala conferenza, dirigendosi verso l’auto blu che lo attendeva all’esterno.

È qui che assai irritato avrebbe insultato i lavoratori precari, dicendo loro:

“Siete la parte parte peggiore dell’Italia, con voi non parlo”.

E mentre Brunetta si allontanava a tutta velocità con l’auto blu, tra i manifestanti, la scorta del Ministro, i partecipanti al convegno e la polizia, si è scatenata una vera rissa, con tanto di spintoni, schiaffi, e grida. Un semplice convegno di un giorno di festa si è quindi trasformato in una brutta pagina per la Pubblica Amministrazione.