Nell’era della tecnologia, dove i social network impazzano sul Web e i fotomontaggi sono ormai alla base di qualsiasi scatto, non esistono solo velocità, convenienza e facilità, ma anche preoccupanti rischi per la privacy della persona.

È stato denunciato oggi a Rieti un uomo che utilizzava Photoshop come strumento per modificare fotografie di ragazze e amiche e Facebook come canale per ricattarle: il giovane 28enne ritagliava il volto da foto delle malcapitate e, attraverso abili trucchi, riusciva a “incollarle” sul corpo di attrici porno o donne in pose oscene, prese dal Web.

Con queste armi in mano contattava le ragazze e le ricattava, dicendo che avrebbero dovuto posare in fotografie e filmati hard reali per poi inviarglieli e, se si fossero rifiutate di farlo, avrebbe fatto girare le foto truccate sul Web alla vista di tutti.

Dopo decine di denunce da parte delle donne ricattate, tutte comunque residenti nella zona di Rieti, la polizia ha finalmente deciso di intervenire ponendo sotto perquisizione l’abitazione del giovane che ora si trova in stato di libertà, ma dovrà rispondere alle accuse di appropriazione indebita di immagini tramite Web e violenza sessuale.