Sciogliete il lievito nell’acqua tiepida e fate una pastella con metà zucchero, 100g di farina e un pizzico di sale, amalgamate bene e fate lievitare per un paio d’ore.

Sciogliete il burro e metteteci a bagno la buccia grattugiata del limone.

Unite alla pastella la farina rimanente, lo zucchero, il burro fuso, il latte tiepido ed amalgamate il tutto molto bene.

Fatene una palla e mettetela a lievitare per circa un paio d’ore.

Dopo la lievitazione stendetela fino ad ottenere uno spessore di circa mezzo cm, con una tazza, o un coppa pasta piccolo fatene dei cerchi che lascerete riposare per un’altra oretta, dopodiché si inizierà la frittura.

Olio bollente (io uso di mais) e mettetele adagio che altrimenti schizza tutto.

CI vorrà pochissimo di cottura, appena scolate lasciatele riposare qualche minuto su carta fritti e poi mettetele in un sacchetto dove avrete messo dello zucchero e scuotete (un po’ come col pandoro).

Ora non resta altro che farcirle con una saccaposche.

Preparate una crema pasticcera facendo bollire il latte (tranne 1/2 bicchiere) insieme alla vaniglia e lasciatela riposare per qualche minuto prima di toglierla.

Separate i tuorli dagli albumi e lavorateli con lo zucchero (con una frusta a mano o elettrica), aggiungendo a pioggia la farina e il latte freddo, amalgamate il tutto molto bene e aggiungete lentamente il latte caldo sempre mescolando con la frusta.

Riportate ad ebollizione il composto mescolando continuamente, fate sobbollire a fuoco dolce per 4/5 minuti o fino a che la crema non si è addensata, sempre mescolando con la frusta.

Una volta terminato, spegnete e lasciate raffreddare la crema, mescolando ancora di tanto in tanto.