Crostata di limoni e arance: la ricetta con il brandy

Anna Carbone 25 gennaio 2013
Tempo totale:
1 ore
Difficoltà:
Facile
Ingredienti per 6 persone:
  • 1 base di pasta frolla
  • 2 tuorli e e uova
  • 200 g. di zucchero semolato
  • 10 g. di amido di mais
  • 4 limoni
  • 4 arance
  • 100 g. di gelatina di frutta
  • 1 cucchiaino di brandy
  • fagioli secchi q.b.

E’ un dolce davvero gustoso e leggero, che mischia il doppio aroma agrumato di limoni e arance. Il brandy, infatti, è solo il tocco finale che dà alla crostata un sapore più deciso e un profumo ancora più avvolgente.

Preparazione:

Preparate la pasta frolla nel solito modo, stendetela e rivestite uno stampo imburrato, copritela con la carta da forno e cospargete con fagioli secchi. Infornate per una ventina di minuti a 180 gradi, togliete la carta e i fagioli e continuate la cottura per altri dieci minuti e lasciatela raffreddare.

Nel frattempo sbattete i tuorli e le uova con 50 grammi di zucchero, unite l'amido di mais e diluite con il succo di un limone e di un'arancia filtrati. Fate addensare la crema su fuoco basso mescolando in continuazione. Sciogliete il rimanente zucchero con due cucchiai d'acqua e fate sobbollire per cinque minuti schiumando quando serve.

Dividete le arance e i limoni rimasti in spicchi e sbucciateli al vivo e metteteli nello sciroppo bollente, con una schiumarola, pochi per volta avendo cura di toglierli dallo sciroppo non appena riprende il bollore, fateli sgocciolare e raffreddare. Spalmate la crema sulla torta e ricopritela con gli spicchi di limone e d'arancia, alternandoli.

Ora sciogliete la gelatina sul fuoco con il brandy e spennellate la superficie per glassarla.

Note:

Gli agrumi si prestano alla preparazioni di dolci particolarmente delicati, devono però essere sbucciati a filo, togliendo accuratamente la parte bianca che è particolarmente amara. Se si vuole utilizzare la scorza e consigliabile farla bollire cambiando l'acqua almeno un paio di volte.

I VINI CONSIGLIATI:
MOSCATO DI SARDEGNA SPUMANTE

Aree di produzione: Sardegna provincia CA/OR/NU/SS - affinamento: fino a 2-3 anni - caratteristiche: spumante - abbinamento consigliato: DESSERT - colore: giallo paglierino brillante - odore: delicato aromatico tipico - vitigni: moscato bianco (100%) - sapore: delicato fruttato tipico dolce - gradazione alcolica minima 11,5°.

MALVASIA DI BOSA LIQUOROSO (asciutto/dolce naturale)
Aree di produzione: Sardegna - affinamento: 2 anni obbligatori quindi fino a 10 anni - caratteristiche: fermo/frizzante - abbinamento consigliato: FINE PASTO E MEDITAZIONE - colore: dal giallo paglierino al dorato - odore: intenso delicatissimo - vitigni: malvasia di Sardegna (100%) - sapore: alcolico con retrogusto amarognolo - asciutto/dolce naturale - gradazione alcolica minima 15°+2,5 (16,5°+1 asciutto).

CANNONAU DI SARDEGNA LIQUOROSO (asciutto/dolce naturale)
Aree di produzione: Sardegna provincia CA/OR/NU/SS - affinamento: 1 anno obbligatorio quindi fino a 10 anni ed oltre - caratteristiche: fermo abbinamento consigliato: DESSERT,MEDITAZIONE - colore: rubino più o meno intenso all'aranciato con l'invecchiamento - odore: tipico gradevole - vitigni: cannonau (90%-100%) - sapore: sapido tipico asciutto/dolce naturale gradazione alcolica minima 18°+max 0,6(asciutto) 18°+3 (dolce nat.).

690 CALORIE  PER PORZIONE
photo credit: Vita Arina via photopin cc
http://www.ricettepercucinare.com

Informazioni utili