Cucinare pannocchie precotte: semplice ricetta e ingredienti La preparazione alla cottura delle pannocchie fresche è abbastanza lunga. Le pannocchie precotte rappresentano una validissima alternativa per la preparazione di zuppe, brodi e antipasti gustosissimi: dalla moderna tecnologia ci viene la comodità di avere sempre in freezer alimenti già puliti, lavati, tagliati, pronti all’uso, facili da preparare e senza sprechi. Comunque, se al mare, ad esempio, capita di trovare delle invitanti pannocchie, magari appena pescate, potete cucinarle anche con il guscio oppure, se volete sgusciarle, potete seguire le mie indicazioni in calce. Io, comunque, preferisco cucinarle con il guscio: sono gustosissime, in qualsiasi modo preparate.

PANNOCCHIE AL SUGO DI POMODORO

PREPARAZIONE

Si consiglia di scongelare in frigorifero le pannocchie precotte. Una volta scongelate, sgocciolatele della loro acqua e asciugatele con carta da cucina. Le pannocchie sono pronte per la vostra ricetta ed evitate il lungo tempo della preparazione che vi indico in calce*, nel caso vi capitasse di disporre di pannocchie fresche.

Scottate, quindi, i pomodori in acqua bollente, pelateli, eliminate i semi e passateli oppure usate pomodori in scatola (più veloci). Tritate finemente le cipolle e gli spicchi d’aglio. Fate rosolare il trito nell’olio, quindi unite le pannocchie ben sgocciolate e lasciatele insaporire per 5 minuti prima di aggiungere i pomodori passati. Salate e pepate. Insaporite con un pizzico di zucchero e lasciate cuocere ancora per 5 minuti.

Poco prima di servire, versate la preparazione in un piatto da portata e spolverizzate con un trito finissimo di prezzemolo fresco.

TEMPO DI PREPARAZIONE E COTTURA

30 MINUTI CIRCA

DIFFICOLTÀ:

NESSUNA

PER PORZIONE

CALORIE 265 CIRCA

DOSI PER 4 PERSONE

INGREDIENTI

1,5 kg di pannocchie

500 g di pomodori maturi

2 cipolle

2 spicchi d’aglio

5 cucchiai d’olio extravergine d’oliva

zucchero

1 ciuffo di prezzemolo

sale – pepe

VINI CONSIGLIATI

Albana di Romagna

Trebbiano d’Abruzzo

Vermentino di Gallura (Sardegna)

Con i crostacei sono consigliabili vini bianchi secchi, freschi e delicati, o anche qualcuno dei nostri favolosi vini con le bollicine.

Il consiglio

In genere questi crostacei vengono cotti con il guscio ma, in caso di necessità, possono essere sgusciati prima dell’uso. In tal caso, eliminate con un paio di forbici le appendici ventrali e staccate la cartilagine dell’addome. Poi introducete la lama di un coltellino tra la polpa e il guscio nella parte superiore della coda, all’attaccatura con la testa. Tenendo la pannocchia dalla parte della testa, sollevate con il coltellino la polpa dal guscio procedendo con cautela verso la coda. Tagliate la testa. Per evitare che la polpa si spappoli durante l’operazione, sarebbe meglio scottare prima le pannocchie in acqua bollente per 2 minuti.

Una curiosità…

La pannocchia, come ho già detto, è un crostaceo, molto gustoso, che si presta a varie preparazioni, ma viene indicato con nomi diversi nelle varie regioni della nostra penisola: pannocchie o canocchie o cicale di mare, ma anche in altro modo nei vari dialetti.

Photo Credit: fugzu via photopin cc