Pandoro: il classico dolce di Verona per Natale 2014

Anna Carbone 3 dicembre 2014
Tempo totale:
2 ore 40 minuti
Difficoltà:
Facile
Ingredienti per 12 persone:
  • + 8 LIEVITAZIONE
  • 610 g farina
  • 250 g burro
  • 230 g zucchero
  • 30 g lievito
  • di birra
  • 6 uova
  • 1 limone
  • un pizzico di vanillina
  • 50 g zucchero a velo
  • 1 pizzico di sale

Il pandoro, come il panettone, è uno dei dolci natalizi più conosciuti nel mondo e uno dei gioielli della pasticceria made in Italy.

Il pandoro ha origini venete, forse l’evoluzione del nadalin, una specialità duecentesca di Verona.

Per le vostre feste natalizie prepariamo questo dolce delicato dalla soffice pasta al profumo di vaniglia.

La ricetta è quella tradizionale, anche se oggi le varianti sono tante: con farcitura di crema pasticcera o ricoperto da uno strato di cioccolato e via di seguito.

Il nostro pandoro è abbastanza semplice: farina, burro, zucchero, lievito di birra, uova, limone, vanillina, zucchero a velo. Poche difficoltà, tempo lungo ma un delizioso “dolce Natale” assicurato.

Il vino

Moscato d’Asti Docg

l’abbinamento ideale con una vasta varietà di dolci,

ideale per realizzare creme e torte farcite, per pasticcini e panettoni,

ma anche per dare un tocco in più a macedonie di frutta, gelati, semifreddi e cocktail.

È un Moscato per ogni occasione e in tutte le stagioni.

Preparazione:

In una ciotola abbastanza capiente ponete 75 grammi di farina setacciata, unite 10 grammi di zucchero, il lievito precedentemente sbriciolato ed un tuorlo. Impastate bene il tutto, aggiungendo 2 cucchiai di acqua tiepida, poi coprite l'impasto con un panno di cotone e lasciatelo lievitare per due ore circa.
Aggiungetevi ora 160 grammi di farina facendola cadere da un piccolo setaccio, 25 grammi di burro ammorbidito a temperatura ambiente, 90 grammi di zucchero, 3 tuorli ed impastate ancora. Lasciate lievitare l'impasto per due ore.
Trascorse le due ore, unite all’impasto il resto della farina, 40 grammi di burro, 75 grammi di zucchero, 1 uovo intero e 3 tuorli. Impastate a lungo e fatelo lievitare per la terza volta per due ore, sempre coperto ed in luogo tiepido.
Lavorate l'impasto e incorporatevi la buccia grattugiata del limone, il resto del burro e la vanillina. Impastate fino ad ottenere un composto morbido e omogeneo.
Dividete la pasta in due palle, ponetele in due stampi imburrati e infarinati e fate lievitare in luogo tiepido fino a quando la pasta arriva al bordo degli stampi.
Fate cuocere per 40 minuti in forno preriscaldato a 180° e, a metà cottura, a 150°.
Fate raffreddare e spolverizzate con lo zucchero a velo.

photo credit: scazza_ via photopin cc

Note:

Informazioni utili