Pollo alle erbe: ricetta con salvia, timo e rosmarino

Anna Carbone 31 dicembre 2012
Tempo totale:
1 ore 30 minuti
Difficoltà:
Facile
Ingredienti per 6 persone:
  • un pollo da circa due kg.
  • 4 teste d'aglio
  • 2 coste di sedano
  • 1 mazzetto di salvia
  • 4 rametti di timo
  • 2 rametti di rosmarino
  • ½ bicchiere di brodo
  • 4 cucchiai d'olio d'oliva
  • pane nero
  • sale - pepe

A volte basta poco per rendere un piatto ricco di odori e profumi. Le erbe aromatiche, ad esempio, possono fare di un pollo al forno, un’esperienza culinaria da leccarsi i baffi. Da unire alla ricetta ci sono i crostoni di pane nero. L’ideale è usarli per spalmare la polpa degli agli cotti nella loro camicia. L’operazione è facilissima perché, dopo un’ora e un quarto di cottura in forno insieme al pollo, gli agli diventano  una specie di crema.

Preparazione:

Accendete il forno a 180 gradi. Salate e pepate l'interno del pollo e metteteci la metà esatta delle erbe, legatelo bene, poggiatelo in una terrina e versateci sopra due cucchiai d'olio e l'altra metà delle erbe aromatiche (salvia, timo e rosmarino). Smontate ora le teste d'aglio, staccate gli spicchi, ma non pelateli. Metteteli tutt'intorno al pollo insieme alle coste di sedano ridotte a fettine e conditeli con le ultime due cucchiaiate d'olio. Infornate e cuocete per un quarto d'ora, tirate fuori la pirofila e aggiungete il brodo bollente.

Ora il pollo dovrà continuare la sua cottura per un'altra ora. Ogni tanto dategli una controllata, annaffiando con il suo sughino. Durante questo tempo tostate alcune fette di pane nero e presentatele in tavola insieme al pollo uscito di forno.

Note:

I VINI CONSIGLIATI:
MERLOT PRAMAGGIORE (Veneto)

La zona di produzione comprende in tutto o in parte 11 comuni in provincia di Venezia, sei comuni in provincia di Pordenone, tre comuni in provincia di Treviso. Colore: rosso rubino se giovane, tendente al granato con l'invecchiamento; profumo: vinoso piuttosto intenso; sapore: asciutto, giustamente tannico, di corpo, gradevole, caratteristico; gradazione alcolica 11,5 /13°,Temperatura di servizio 18/20°. Servire con ARROSTI DI CARNI BIANCHE E ROSSE (se invecchiato), POLLAME E CACCIAGIONE (sempre se ben invecchiato).

SQUINZANO (Puglia)
Prodotto nella provincia di Lecce. È un vino adatto per minestre asciutte, agnello, arrosti di maiale (servire a 18° circa). Ha un colore rosso rubino, profumo vinoso, sapore pieno, gradi 12,5. Esiste anche la qualità “rosato”.

SANGIOVESE DI ROMAGNA (Romagna)
È tra i vini più noti (prodotto nelle provincie di Forlì, Ravenna e Bologna) di questa Regione. Colore: rosso rubino tendente al granato, profumo vinoso con sentore di viola, sapore asciutto con fondo leggermente amarognolo, gradi 11,5 /13. Servire a 18° CON PASTE ASCIUTTE, POLLAME, ARROSTI DI CARNI BIANCHE, ECC.

653 CALORIE PER PORZIONE
photo credit: Konstantina (Exei gousto) via photopin cc
http://allrecipes.it

Informazioni utili