Ricetta branzino in salsa di cipolle: TEMPO DI PREPARAZIONE 30 MINUTI – TEMPO DI COTTURA 60 MINUTI

PER PORZIONE

CALORIE: 245

PROTEINE: 13 g.

GRASSI: 6 g.

CARBOIDRATI: 36 g.

PREPARAZIONE

Squamate il pesce delicatamente, senza lacerare la pelle, fate una piccola incisione in senso verticale nel ventre, togliete le interiora. Ora tagliatelo a pezzi.

Accendete il forno e portatelo a 180 gradi.

Lavate con cura il branzino, privatelo delle pinne e della coda; con gli scarti e una foglia d’alloro preparate il brodo di pesce.

Spellate e tagliate a fettine le cipolle, mettetele in una casseruola di coccio, unitevi 4 cucchiai d’acqua tiepida in cui avrete stemperato ½ dado vegetale. Appena saranno diventate trasparenti aggiungetevi una tazza d’acqua calda, cuocete a fuoco basso e a pentola scoperta finché le cipolle non saranno diventate tenere.

Intanto in una padella antiaderente cuocete i pezzi di pesce con l’olio e un pizzico di timo, per alcuni minuti; bagnate con il vino bianco secco e, quando sarà evaporato, togliete la padella dal fuoco.

Passate le cipolle al passaverdura, raccogliete la salsa in una teglia da forno antiaderente, disponetevi sopra i pezzi di pesce, regolate di sale.

Cuocete in forno caldo per circa 30 minuti.

Nel frattempo, cuocete il riso con due mestoli di brodo di pesce, portatelo a cottura, aggiungendo di tanto in tanto altro brodo di pesce, il dragoncello, aggiustate di sale.

Disponete il risotto su un piatto di portata, al centro mettete i pezzi di pesce, incorporate alla salsa di cipolle il succo di limone, mescolate, servitela a parte.

CONSIGLIO

Per evitare di “piangere” mentre si puliscono e si tagliano le cipolle, tenetele immerse per un po’ di tempo in una bacinella di acqua fredda.

DOSI PER 4 PERSONE

INGREDIENTI

300 g. di branzino (peso cotto) – 160 g. di riso (peso crudo)

200 g. di cipolle – ½ litro di brodo di pesce

60 ml. di vino bianco secco – ½ dado vegetale

30 g. di olio extravergine d’oliva – succo di ½ limone

un pizzico di timo – dragoncello

1 foglia di alloro – sale

VINI CONSIGLIATI

CAPRI BIANCO (Campania) – PINOT 65 BIANCO “AQUILEIA” (Venezia Giulia)

CAPRI BIANCO (Campania)

Vino assai famoso prodotto nell’omonima isola e assai apprezzato da Hemingway (ne parla diffusamente nel suo “Addio alle armi”). Si ottiene con uve Greco, Falanghina e Biancolella. Il colore è paglierino chiaro; profumo gradevole, tenue e poco persistente; sapore asciutto e fresco. La gradazione alcolica è di 11° e lo si consiglia con frutti di mare, ostriche, frittata alla marinara e piatti a base di pesce; servire fresco (6/8°).

PINOT 65 BIANCO “AQUILEIA” (Venezia Giulia)

Vino prodotto nel comprensorio del comune omonimo: ha colore paglierino chiaro con riflessi verdognoli; profumo leggero, caratteristico; sapore secco, morbido, armonico, elegante; gradazione 11/13°. Viene consigliato come aperitivo e accompagna assai bene i pesci e i crostacei, antipasti, minestre e uova.