TEMPO PREPARAZIONE E COTTURA:

3 ORE + 12 ORE

PER PORZIONE:

CALORIE 456

Preparazione

Il capriolo in umido alla pastora è una ricetta in cui la carne pregiata della selvaggina viene esaltata in tutto il suo sapore.

Fate a pezzi la carne, infarinateli e metteteli a rosolare nell’olio, con sale, pepe, timo, alloro, rosmarino e salvia.

Fate prendere colore, poi bagnate con il vino rosso e fate sobbollire. Spegnate la fiamma e lasciate in fusione per una notte i pezzi di carne; usate per cuocere un recipiente che non sia di metallo, in modo da non conferire sapore sgradevole alla carne.

Il giorno dopo ponete la pentola a fuoco, fate sobbollire di nuovo e unite in cottura tutte le verdure tritate grossolanamente.

Mescolate spesso e in ultimo unite le cipolline di Como ben pulite.

Tirate a cottura, regolandovi a seconda del tipo di carne prescelta: il piatto si presta infatti ad essere realizzato anche con cervo, camoscio, daino e i tempi di cottura variano a seconda dell’età dell’animale.

Le cipolle devono quasi disfarsi e il sugo deve essere ben denso.

Togliete poi la carne dal condimento, passate tutto il sugo al frullatore o con la frusta elettrica in pentola, in modo da avere un fondo di cottura abbondante e cremoso.

Rimettete la carne nel sugo, scaldate e servite molto caldo, con polenta, riso bollito, puré di patate o patate lessate e sbucciate ben calde, seguendo il vostro gusto.

Si tratta di un tipico “piatto di caccia” della Valle d’Aosta, squisito da gustare in autunno.

DOSI PER 4 PERSONE

INGREDIENTI

  • 1 kg. di carne a pezzi – 1 litro di vino
  • 4 carote – 4 cipolle
  • 4 gambi di sedani
  • 2 patate – 2 porri
  • 1 scalogno – 400g. di cipolline di Como
  • farina – olio – sale – pepe
  • timo – alloro – rosmarino – salvia

VINI CONSIGLIATI

AMARONE della VALPOLICELLA

Aree di produzione: Veneto diversi comuni provincia VR – affinamento: periodo minimo di invecchiamento di 2 anni a partire dal 1°gennaio dopo la vendemmia – caratteristiche: fermo – abbinamento consigliato: CARNI ROSSE, SELVAGGINA – colore: rosso granato piuttosto carico – odore: frutta matura, confettura di amarena e di lamponi. In quelli più affinati si possono percepire anche sentori speziati e goudron vitigni: Corvina Veronese 45%-95%, ammesso Corvinone max 50% in sostituzione della Corvina; Rondinella 5%-30%, ammessi altri vitigni a bacca rossa non aromatici provincia di Verona max 15%, altri vitigni autoctoni a bacca rossa max 10% – sapore: pieno vellutato caldo asciutto – gradazione alcolica minima 14°.

GARDA CLASSICO GROPPELLO RISERVA

Aree di produzione: Lombardia provincia BS – affinamento: 2 anni obbligatori (in botti di legno) quindi fino a 4 anni – caratteristiche: fermo – abbinamento consigliato: CARNI ROSSE, SELVAGGINA – colore: rosso rubino brillante – odore: vinoso fresco fruttato tipico con leggero sentore di legno – vitigni: groppello (85%-100%) – sapore: vellutato sapido con fondo mandorlato asciutto – gradazione alcolica minima 12°.

LISON PRAMAGGIORE REFOSCO

DAL PEDUNCOLO ROSSO RISERVA

Aree di produzione: Veneto provincia VE/TV/PN – affinamento: 3 anni obbligatori quindi fino a 4-5 anni – caratteristiche: fermo – abbinamento consigliato: CARNI ROSSE, SELVAGGINA – colore: rosso intenso – odore: vinoso – vitigni: refosco dal peduncolo rosso (90%-100%) – sapore: asciutto rotondo pieno all’amarognolo asciutto – gradazione alcolica minima 11,5°.

Riepilogo Ricetta
Nome
Capriolo in Umido alla Pastora
Pubblicata il
Tempo di Preparazione
Tempo di Cottura
Tempo Totale
4 Based on 1 Review(s)