Ricetta coniglio alla parigina

TEMPO PREPARAZIONE E COTTURA

1 ORA E MEZZA + 2 ORE

PER PORZIONE:

CALORIE 302

PREPARAZIONE

Tagliate a pezzi il coniglio e lasciatelo a bagno in acqua e aceto per due ore. In un largo tegame fate rosolare con il burro e due foglie d’alloro le cipolline; quando cominceranno a colorarsi, unite il coniglio, salate, pepate e lasciate il tegame senza coperchio per 15 minuti, bagnate con un bicchiere di brandy, aggiungete un po’ di acqua e continuate la cottura a fuoco moderato per un’oretta.

In una tazza battete il tuorlo con un cucchiaio di senape, il succo di limone e la panna. Controllate la cottura del coniglio con una forchetta e versate mescolando velocemente il contenuto della tazza nel tegame.

Lasciate scaldare un paio di minuti e servite ben caldo con pane francese a fette.

DOSI PER 4 PERSONE

INGREDIENTI

1 coniglio giovane

400 g. di cipolline

sale, pepe, alloro, burro, aceto

1 bicchiere di brandy

1 uovo

1 cucchiaio di senape

½ limone

½ bicchiere di panna

VINI CONSIGLIATI

SQUINZANO (Puglia)

SANGIOVESE DI ROMAGNA (Romagna)

MATINO (Puglia)

BRUNELLO DI MONTALCINO (Toscana)

SQUINZANO (Puglia)

Prodotto nella provincia di Lecce. È un vino adatto per MINESTRE ASCIUTTE, AGNELLO, ARROSTI DI MAIALE, CONIGLIO (servire a 18° circa). Ha un colore rosso rubino, profumo vinoso, sapore pieno, gradi 12,5. Esiste anche la qualità “rosato”.

SANGIOVESE DI ROMAGNA (Romagna)

È tra i vini più noti (prodotto nelle provincie di Forlì, Ravenna e Bologna) di questa Regione. Colore: rosso rubino tendente al granato, profumo vinoso con sentore di viola, sapore asciutto con fondo leggermente amarognolo, gradi 11,5 /13. servire a 18° con paste asciutte, pollame, arrosti di carni bianche, ecc.

MATINO (Puglia)

Viene prodotto nella provincia di Lecce in due qualità: rosato o rosso. Il tipo rosato: colorazione rosa intenso, profumo leggermente vinoso, sapore secco, caratteristico (gradi 11,5); adatto (a 14/15° di temperatura di servizio) CON SALUMI CRUDI, VERDURE LAVORATE, CARNI BIANCHE – il tipo rosso: rubino e tendente all’aranciato se ben invecchiato, profumo vinoso, sapore asciutto (gradi 11,5/12).

BRUNELLO DI MONTALCINO (Toscana)

È uno dei più noti vini toscani prodotto nell’omonimo comune della provincia di Siena. È un vino molto adatto per un lungo invecchiamento. Colore rosso rubino intenso, tendente al granato (appunto con l’invecchiamento); sapore asciutto, caldo, un po’ tannico, robusto e vivace, ma armonico; profumo caratteristico e intenso; gradazione minima 12,5° (con un minimo di quattro anni di invecchiamento in botte). Consigliabile (servito a 20/22°) con arrosto di carni rosse, selvaggina da pelo (lepre, cinghiale, ecc).