Ricetta coniglio in porchetta

TEMPO PREPARAZIONE E COTTURA:

1 ORA E MEZZA CIRCA

PER PORZIONE:

CALORIE 650

PREPARAZIONE

Fatevi aprire il coniglio per il lungo, con un taglio sotto la pancia, in modo da poterlo pulire bene; tritate poi finemente le interiora godibili del coniglio insieme alla carne, a un po’ di rosmarino e salvia e unite al trito parmigiano grattugiato e due uova, fino ad avere un composto omogeneo e consistente.

Assaggiate il composto, aggiustatelo di sale e di pepe.

Imbottite con questo ripieno il coniglio, poi cucite bene l’apertura in modo che il ripieno non esca.

Fate ora un trito di aglio e cipolla e ponetelo a rosolare in olio e strutto a piacere; mettete nel condimento il coniglio e fatelo colorire da ogni lato. Bagnatelo poi un poco alla volta con la panna mescolata all’aceto, in modo da formare un sugo denso ma che non attacchi: nel caso allungate con un po’ di brodo o acqua calda.

Tirate a cottura il coniglio, sempre a fiamma media oppure proseguendo la cottura nel forno a 150 gradi di temperatura (la scelta è vostra).

Dopo circa un’ora il coniglio sarà cotto. Toglietelo dal sugo e passate il sugo al setaccio, raccogliendolo in una salsiera.

Mettete sul piatto di portata il coniglio che taglierete in tavola, distribuendo ai commensali un pezzo di carne, un po’ di ripieno e facendo loro versare da soli la salsa calda a piacere.

DOSI PER 4 PERSONE

INGREDIENTI

1 coniglio

300 g. di carne macinata anche avanzata

salvia – rosmarino – cipolla

sale – pepe – aglio

parmigiano grattugiato

2 uova – ¼ di panna

3 cucchiai di aceto – brodo – olio o strutto

VINI CONSIGLIATI

ROSSO CONERO (Marche)

CHIANTI DEI COLLI ARETINI (Toscana)

CIRCEO ROSSO NOVELLO

ROSSO CONERO (Marche)

Uno dei vini più caratteristici di questa regione adriatica, che ben accompagna CARNI BIANCHE E ROSSE ARROSTITE O IN UMIDO E LE SPECIALITÀ LOCALI (COME IL “CONIGLIO IN PORCHETTA”). Ha colore rosso rubino intenso, profumo vinoso composito, sapore asciutto, secco e verso la fine vellutato; gradazione alcolica 11,5/12,5°.

CHIANTI DEI COLLI ARETINI (Toscana)

Viene prodotto in tre distinte zone dei colli aretini (Arezzo e dintorni), consigliato come vino fine DA PASTO CON ANTIPASTI DI SALUMI, ARROSTI DI CARNI BIANCHE E ROSSE, FINO AI FORMAGGI ANCHE PICCANTI (servire a 18/20°). Ed ecco le caratteristiche: colore rosso rubino assai vivo; profumo lievemente aromatico; sapore asciutto, ampio e vinoso; gradazione alcolica 12,5/13°.

CIRCEO ROSSO NOVELLO

(asciutto/amabile)

Aree di produzione: Lazio provincia LT – affinamento: fino a 3 anni – caratteristiche: fermo/frizzante – abbinamento consigliato: TUTTO PASTO – colore: rubino più o meno intenso – odore: tipico vinoso – vitigni: trebbiano toscano (85%-100%) – sapore: pieno armonico tannico – asciutto/amabile – gradazione alcolica minima 11,5°.