Vitello in fricandò, la ricetta con le verdure alla lombarda

Anna Carbone 23 novembre 2012
Tempo totale:
2 ore
Difficoltà:
Molto facile
Ingredienti per 4 persone:
  • 1 kg. di noce di vitello
  • 60 g. di burro
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • 2 grosse cipolle
  • 2 carote
  • un mazzetto di prezzemolo
  • 3 chiodi di garofano
  • 1 dado – sale - pepe

Il nome vi sembrerà straniero e in effetti lo è. Il fricandò è un piatto importato in Italia dalla Francia, diventato secondo piatto tradizionale della cucina lombarda. Perfetto in un pranzo dopo un primo molto leggero, il fricandò è un vanto della gastronomia Made in Italy che molti non conoscono ancora. Ideale quando si ricevono tanti ospiti, questo brasato può essere preparato anche il giorno prima e riscaldato al momento.

Preparazione:

In una casseruola mettete due cipolle intere steccate con i chiodi di garofano e il burro. Fate rosolare molto dolcemente finché le cipolle saranno appena colorite; unite allora la noce di vitello, le carote raschiate e un mazzetto di prezzemolo legato con un filo.
Salate, pepate e fate colorire la carne da tutti i lati. Bagnate con un bicchiere di vino bianco alzando la fiamma e fatelo evaporare.
Continuate la cottura a fuoco molto lento aggiungendo ¼ di acqua e un dado. Dopo circa un'ora e mezza levate la carne dalla pentola e tenetela in caldo su un piatto; passate il sugo di cottura con le carote, il prezzemolo e un po' di cipolla al passaverdura. Raccogliete nella casseruola di cottura sugo e carne, fate scaldare qualche minuto e servite ben caldo soprattutto il sugo.

Note:

VINI CONSIGLIATI:
AMARONE DELLA VALPOLICELLA 

Aree di produzione: Veneto diversi comuni provincia VR - affinamento: periodo minimo di invecchiamento di 2 anni a partire dal 1°gennaio dopo la vendemmia - caratteristiche: fermo abbinamento consigliato: CARNI ROSSE, SELVAGGINA - colore: rosso granato piuttosto carico - odore: frutta matura, confettura di amarena e di lamponi. In quelli più affinati si possono percepire anche sentori speziati e goudron vitigni: Corvina Veronese 45%-95%, ammesso Corvinone max 50% in sostituzione della Corvina; Rondinella 5%-30%, ammessi altri vitigni a bacca rossa non aromatici provincia di Verona max 15%, altri vitigni autoctoni a bacca rossa max 10% - sapore: pieno vellutato caldo asciutto - gradazione alcolica minima 14°.

GARDA CLASSICO GROPPELLO RISERVA
Aree di produzione: Lombardia provincia BS - affinamento: 2 anni obbligatori (in botti di legno) quindi fino a 4 anni - caratteristiche: fermo - abbinamento consigliato: CARNI ROSSE, SELVAGGINA - colore: rosso rubino brillante - odore: vinoso fresco fruttato tipico con leggero sentore di legno - vitigni: groppello (85%-100%) - sapore: vellutato sapido con fondo mandorlato asciutto - gradazione alcolica minima 12°.

LISON PRAMAGGIORE REFOSCO DAL PEDUNCOLO ROSSO RISERVA
Aree di produzione: Veneto provincia VE/TV/PN - affinamento: 3 anni obbligatori quindi fino a 4-5 anni - caratteristiche: fermo - abbinamento consigliato: CARNI ROSSE, SELVAGGINA – colore: rosso intenso - odore: vinoso - vitigni: refosco dal peduncolo rosso (90%-100%) - sapore: asciutto rotondo pieno all'amarognolo asciutto - gradazione alcolica minima 11,5°.

410 CALORIE PER PORZIONE.

Informazioni utili