Ricetta frittata di vitello alla salvia

TEMPO DI PREPARAZIONE:

2 ORE

PER PORZIONE:

CALORIE 420

PREPARAZIONE

Questo squisito piatto è anche economico se lo terrete presente per utilizzare avanzi di vitello arrosto o lesso, tenuti da parte.

Tritate molto finemente gli avanzi di carne, passandoli anche al tritacarne. Unite i tuorli battuti, gli albumi montati a neve, una manciata di foglie di salvia intere.

Battete con latte e farina fino ad ottenere un composto omogeneo. Unite il cognac, regolate a gusto di sale e di pepe.

Ponete abbondante olio nella padella dei fritti e quando fuma fatevi scivolare il composto, abbassando la fiamma e muovendo bene la padella perché non si attacchi.

Voltate come per una comune frittata, fate ben asciugare dalle due parti e arrotolatela. Poi trasferite la frittata su di un piatto di portata che vada in forno foderato in carta d’alluminio.

Chiudete il cartoccio e passate in forno a 180 gradi per 12 minuti.

Volendo, come variante potrete versare sulla frittata 2 cucchiai di béchamel. Servite molto caldo e nello stesso piatto di portata.

DOSI PER 4 PERSONE

INGREDIENTI

450 g. di vitello o lesso tritato

5 uova

una manciata di foglioline di salvia

poca farina

poco latte

sale – pepe – poco cognac

VINI CONSIGLIATI

MONTEREGIO DI MASSA MARITTIMA ROSSO RISERVA

VINO NOBILE DI MONTEPULCIANO

BRUNELLO DI MONTALCINO (Toscana)

MONTEREGIO DI MASSA MARITTIMA ROSSO RISERVA

Aree di produzione: Toscana – affinamento: 2 anni obbligatori quindi fino a 4-5 anni – caratteristiche: fermo – abbinamento consigliato: CARNI ROSSE, FORMAGGI STAGIONATI – colore: rosso rubino -odore: vinoso fruttato – vitigni: sangiovese (80%-100%) – sapore: asciutto – gradazione alcolica minima 12°.

VINO NOBILE DI MONTEPULCIANO

Aree di produzione: Toscana – affinamento: 2 anni obbligatori in botti di legno quindi fino a 10 anni ed oltre – caratteristiche: fermo – abbinamento consigliato: CARNI ROSSE, SELVAGGINA – colore: granato più o meno intenso con riflessi arancioni con l’invecchiamento – odore: delicato di mammola più o meno intenso – vitigni: sangiovese (prugnolo gentile) (60%-80%) canaiolo nero (10%-20%) altri (0-20%) con un 10% max di uve bacca bianca esclusi vitigni aromatici ad eccezzione malvasia del chianti – sapore: asciutto, leggermente tannico – gradazione alcolica minima 12,5°.

BRUNELLO DI MONTALCINO (Toscana)

È uno dei più noti vini toscani prodotto nell’omonimo comune della provincia di Siena. È un vino assai adatto per un lungo invecchiamento. Colore rosso rubino intenso, tendente al granato (appunto con l’invecchiamento); sapore asciutto, caldo, un po’ tannico, robusto e vivace, ma armonico; profumo caratteristico e intenso; gradazione minima 12,5° (con un minimo di quattro anni di invecchiamento in botte). Consigliabile (servito a 20/22°) con arrosto di carni rosse, selvaggina da pelo (lepre, cinghiale, ecc).