Ricetta insalata di riso alle mandorle

TEMPO PREPARAZIONE E COTTURA:

1 ORA CIRCA

PER PORZIONE:

CALORIE 570

PREPARAZIONE

Fate lessare il riso tenendolo al dente, scolatelo e lasciatelo raffreddare.

Nel frattempo pulite bene i funghi con un panno umido e tagliateli a lamelle sottili, poi aggiungeteli al riso che avrete messo in una terrina. Dividete ora il peperone rosso in quattro parti, togliete i filamenti e i semi, mettetelo su una griglia ben calda e fatelo arrostire bene.

Sgusciate le mandorle e mettetele nel tritatutto e aggiungete anche queste al riso.

Aprite una scatola di piselli già cotti, sgocciolateli, misuratene una tazza abbondante e unite anche questi.

Battete in una tazza 4 cucchiai d’olio con tre cucchiai d’aceto bianco, aggiungete un pizzico di sale, pepe e due chiodi di garofano pestati in precedenza.

Battete l’emulsione con la forchetta e condite il riso mescolando accuratamente.

Mettete in frigorifero per una trentina di minuti, in modo che l’insalata non risulti troppo gelata, poi toglietela e decorate la superficie con filetti di peperone rosso gratinato.

È una delle innumerevoli varianti delle freschissime insalate di riso, regine indiscusse dei primi piatti estivi, adatte per il gran caldo, ma anche per un buffet freddo con gli amici.

DOSI PER 4 PERSONE

INGREDIENTI

400 g. di riso parboiled

1 peperone rosso

1 manciata di mandorle

6 funghetti coltivati

1 tazza di pisellini

2 chiodi di garofano

4 cucchiai d’olio

3 cucchiai di aceto bianco

sale – pepe

VINI CONSIGLIATI

GARDA TOCAI

FRANCIACORTA SATEN

NARDÒ ROSATO

GARDA TOCAI

(asciutto/abboccato)

Aree di produzione: Lombardia – caratteristiche: fermo – abbinamento consigliato: DA PASTO LEGGERO – colore: paglierino – odore: vinoso gradevole tipico – vitigni: tocai friulano (85%-100%) – sapore: armonico fresco moderatamente acidulo asciutto/abboccato – gradazione alcolica minima 10,5°.

FRANCIACORTA SATEN

Aree di produzione: Lombardia provincia BS – caratteristiche: spumante – abbinamento consigliato: TUTTO PASTO – colore: paglierino più o meno intenso con riflessi verdini o dorati – odore: bouquet proprio della fermentazione in bottiglia fine gentile ampio e composito – vitigni: chardonnay e/o pinot bianco (100%) – sapore: sapido fresco fine armonico asciutto – gradazione alcolica minima 11,5°.

NARDÒ ROSATO

Aree di produzione: Puglia provincia LE – affinamento: fino a 2 anni – caratteristiche: fermo – abbinamento consigliato: TUTTO PASTO – colore: dal rosa corallo appena acceso al cerasuolo tenue – odore: vinoso delicato tipico fruttato se giovane – vitigni: negro amaro (80%-100%) malvasia nera di br e/o di le e/o montepulciano (0-20%) – sapore: vellutato lievemente amarognolo gradevole asciutto – gradazione alcolica minima 11,5°.