Ricetta lonza in crostini

TEMPO PREPARAZIONE E COTTURA

1 ORA E MEZZA

PER PORZIONE

CALORIE 970

PREPARAZIONE

Tagliate a pezzi regolari e non troppo grandi la lonza di maiale, ungete ogni pezzo dopo averlo pepato e salato, poi bordatelo con pancetta coppa tagliata fine.

Legate bene le fette di pancetta, facendo degli involtini, e infilate sotto al filo dei rametti di rosmarino.

Infilate i pezzi su spiedini e metteteli su una placca da forno unta.

Scaldate il forno a 200 gradi, ponete la placca con gli spiedini e spolverizzate il tutto con aglio in polvere.

Cuocete per 40 minuti, solo se occorre, irrorate con poco olio battuto bene con pari quantità di acqua.

Preparate intanto i crostini: su fette di pan carré, spalmate una crema fatta con burro e pâté di fegato d’oca: 100 g. di burro per ogni 30 grammi di pâté. Scaldate i crostini nel forno, adagiati sul piatto di portata dove stiano giusti, durante gli ultimi 5 minuti di cottura della carne.

Adagiate poi gli spiedini senza sfilare la carne sui crostini e servite molto bollente.

DOSI PER 4 PERSONE

INGREDIENTI

1 kg. di lonza in un solo pezzo

sale, pepe, olio, burro

300 g. di pancetta coppa a fette sottili

rosmarino, aglio in polvere

fette di pan carré

pâté

VINI CONSIGLIATI

AGLIANICO DEL VULTURE SUPERIORE/SUP. RISERVA

CESANESE DEL PIGLIO (Lazio)

CERASUOLO DI VITTORIA

AGLIANICO DEL VULTURE SUPERIORE/SUP. RISERVA

Aree di produzione: Basilicata Intero territorio dei comuni di Rionero in Vulture, Barile, Rapolla, Ripacandida, Ginestra, Maschito, Forenza, Acerenza, Melfi, Atella, Venosa, Lavello, Palazzo San Gervasio, Banzi, Genzano di Lucania, escluse le tre isole amministrative di Sant’Ilario, Riparossa e Macchia del comune di Atella. – affinamento: fino 1 anno,2 anni per il sup. riserva – caratteristiche: fermo – abbinamento consigliato: SELVAGGINA, ARROSTI, FORMAGGI DURI – colore: rosso rubino tendente al granato – odore: vinoso, tipico, marmellata frutto scuro, viola – vitigni: aglianico (100%) – sapore: asciutto, sapido, giustamente tannico – gradazione alcolica minima 12,5°.

CESANESE DEL PIGLIO (Lazio)

Un vino caratteristico del Lazio (prodotto nella provincia di Frosinone). Di colore rosso rubino tende al granato invecchiando, sapore morbido un po’ amarognolo (gradazione alcolica 12°). Vino adatto a minestre asciutte al sugo, ripiene, per arrosti in genere, rognone trifolato, omelettes con funghi e carne, carni cotte alla griglia se ben invecchiato. servire a 18/20°.

CERASUOLO DI VITTORIA

Aree di produzione: Sicilia vari comuni in provincia RG/CL/CT – affinamento: fino a 2-3 anni – caratteristiche: fermo – abbinamento consigliato: CARNE GRIGLIATA, SELVAGGINA, CIBI MODERATAMENTE PICCANTI, FORMAGGI A MEDIA STAGIONATURA – colore: rosso ciliegia sino a violaceo. – odore: floreale e fruttato – vitigni: nero d’avola 50.0% – 70.0% – frappato 30.0% – 50.0% – sapore: caldo pieno, rotondo, armonico, asciutto – gradazione alcolica minima 13°.