Ricetta maiale alla bresciana

TEMPO PREPARAZIONE E COTTURA 1 ORA E ½

PER PORZIONE

CALORIE: 605

PREPARAZIONE

Soffriggete in olio e burro abbondanti la cipolla, il sedano e la carota tritati, aggiungete anche i fondi dei carciofi affettati e un po’ di rosmarino. Raccogliete tutte le verdure in un tegame e mettete l’arrosto nel condimento soffritto, fatelo rosolare a fuoco vivo per un quarto d’ora rivoltandolo continuamente.

Bagnate con del vino rosso e fatelo evaporare. Regolate di sale e pepe. Unite ora le verdure messe da parte e le patatine sbucciate, abbassate il fuoco e se occorre aggiungete un po’ di brodo di dado.

Fate cuocere per circa 1 ora aggiungendo ogni tanto una piccolissima quantità di vino.

Una volta cotta, tagliate la carne a fette spesse e mettetele al centro di un piatto da portata, contornatela con le patate e passate al setaccio il sugo e le verdure.

Servite a parte la salsa ottenuta oppure irrorate con questa l’arrosto.

Servite con mostarda di frutta o eventualmente con un’altra salsa fatta battendo due cucchiai di senape con rosso d’uovo, qualche filetto d’acciuga deliscata e tritata e 1 bicchiere circa di panna liquida.

DOSI PER 4 PERSONE

INGREDIENTI

1 kg. e 200 g. di carne di maiale (carré)

8 fondi di carciofo

1 cipolla

400 g. di patatine

2 bicchieri di vino rosso

1 carota

1 costa di sedano, rosmarino

1 dado per brodo

olio – sale – pepe – burro

VINI CONSIGLIATI

AGLIANICO DEL VULTURE SUPERIORE/ SUP. RISERVA

SOLOPACA (Campania)

HIRPINIA (Campania)

AGLIANICO DEL VULTURE SUPERIORE/ SUP. RISERVA

Aree di produzione: Basilicata Intero territorio dei comuni di Rionero in Vulture, Barile, Rapolla, Ripacandida, Ginestra, Maschito, Forenza, Acerenza, Melfi, Atella, Venosa, Lavello, Palazzo San Gervasio, Banzi, Genzano di Lucania, escluse le tre isole amministrative di Sant’Ilario, Riparossa e Macchia del comune di Atella. – affinamento: fino 1 anno,2 anni per il sup. riserva – caratteristiche: fermo – abbinamento consigliato: SELVAGGINA, ARROSTI, FORMAGGI DURI – colore: rosso rubino tendente al granato – odore: vinoso, tipico, marmellata frutto scuro, viola – vitigni: aglianico (100%) – sapore: asciutto, sapido, giustamente tannico – gradazione alcolica minima12,5°.

SOLOPACA (Campania)

Prodotto nella provincia di Benevento, si presenta con un colore giallo paglierino carico, profumo caratteristico, sapore asciutto e leggermente amarognolo, gradi 12. Vino fine da pasto, ottimo per risotti di frutti di mare e pesce alla griglia, per antipasti (servire a 8°). Esiste anche il tipo rosso o rosato di profumo accentuato, sapore asciutto e vellutato, gradi 12 circa. Adatto per MINESTRE ASCIUTTE AL SUGO, CARNI ARROSTO, PICCIONI RIPIENI (servire a 18°).

HIRPINIA (Campania)

Viene prodotto nella provincia di Avellino nelle qualità bianco e rosso. Il tipo “bianco” ha un colore paglierino, profumo netto, sapore secco e armonioso, gradi 11/11,5° (ottimo con il PESCE servito a 10° circa). Il tipo “rosso” rubino ha un profumo caratteristico, sapore secco, gradi 11,5° circa. Servire a 18° circa con CARNI BIANCHE E ROSSE.